11 dicembre 2016

Dario Fo attacca Salvini: “Ha gioco facile tra gli ignoranti che lo seguono”

Dario Fo, premio Nobel per la letteratura nel 1997, è intervenuto ai microfoni di Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it), nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, per commentare il delicato momento che l’Europa sta vivendo dopo gli attacchi terroristici che hanno sconvolto Parigi.

Su quanto accaduto in Francia: “La mia prima reazione è stata di orrore. Cosa può arrivare a fare l’uomo. Si è sempre sgomenti davanti a questa follia. Poi però ho pensato che anche noi abbiamo delle responsabilità. Noi popoli avanzati, che pensiamo di essere civili, di avere cultura, senso delle regole. Moltissimi uomini politici e di pensiero profondo hanno ricordato che purtroppo noi diamo armi in continuità, armando con tecnologie sofisticate questi gruppi militari. Certe volte siamo proprio noi occidentali ad allevare alla violenza dei miliziani che avrebbero dovuto poi combattere contro i terroristi, per poi scoprire che erano loro stessi la punta di diamante di alcuni gruppi del terrore e del massacro. Noi, poi, siamo tra i più abili nel costruire armi da guerra. E sulle tragedie facciamo mercato. Passiamo per vie traverse, ma è lo stesso occidente a fornire armi ai terroristi, cui diamo soldi anche comprando il petrolio. E’ una beffa pensare che noi stessi siamo responsabili anche di questo particolare mercato“.

Dario Fo è molto critico con alcuni politici. In particolar modo verso Salvini:Per me è un uomo dal cinismo assoluto, che non guarda in faccia a niente e nessuno. L’importante per lui è battere il tamburo del nemico, senza distinguere tra disperati che non riescono più a vivere e terroristi. Non ha nel suo modo di esprimersi l’intelligenza del valutare i valori delle cose. Ha ben gioco tra i semplici, tra quelli senza cultura e senza conoscenza, che lo seguono sulla via della paura, dello spavento. E’ un personaggio che non merita attenzione, di cui non potrei mai parlare per più di dieci minuti. Gioca sul vuoto di conoscenza, chi fa il politico dovrebbe avere una chiarezza morale e profonda, senza giocare sull’ipocrisia e sull’ignoranza“.

Dario Fo attacca anche Libero:Quel titolo andava evitato, io non l’avrei fatto, ma è tutto costruito per ubriacare e sconvolgere gente che non ha conoscenza. Tutti quelli che ora vogliono strumentalizzare quanto accaduto a Parigi giocano sull’ignoranza delle persone“.

Fonte: Radio Cusano Campus