4 dicembre 2016

Eicma 2015: rimettiamoci in moto!

Sono appena tornato da Milano dove ho assistito in qualità di inviato de Il Tabloid Motori alla settantatreesima edizione dell’Eicma, l’esposizione mondiale del motociclismo. Insieme all’editore Emanuele Bompadre, abbiamo realizzato una quarantina di video dove abbiamo condensato il meglio incontrato. L’umore è di quelli buoni e in me l’ottimismo inizia a prendere il sopravvento sul pessimismo quando penso al futuro del settore. Siamo ancora lontani anni luce dai saloni come quello del 2006, ma il motto “Mettiamoci in moto” che capeggia sul sito ufficiale dell’Eicma ha un fondamento di verità, perché si inizia a percepire che il motore è ritornato a pulsare.

Nei sei padiglioni era presente il gotha mondiale delle due ruote e più che il singolo modello esposto, mi ha colpito la voglia di esserci e di volersi mettere alle spalle il passato. Tra le tante novità motociclistiche presentate nessuna ha infiammato il mio cuore più di tanto anche se l’ultima versione dell’Africa Twin è davvero tanta ma tanta roba. Alcune case, però, ancora non hanno compreso che per risollevare davvero le sorti del mercato, devono proporre moto ad un prezzo di poco superiore ai 6.000 euro, senza rincorrere la mera potenza. Chi più si è avvicinato a questo dato, ha visto ampliare di molto la propria fetta di mercato.

Fossi in loro, poi, utilizzerei l’elettronica non per addomesticare cavallerie imbarazzanti bensì per rendere le moto veicoli maggiormente confortevoli, guidabili, sicuri e poco inquinanti. Tutte, poi, devono vincere la sfida di riavvicinare i giovani alle due ruote. La scusa che questi sono attratti solo dagli smart phone regge, a mio parere, fino ad un certo punto. Se avessimo assicurazioni eque e non sanguisughe, strade asfaltate e non bombardate, il “motorino” riconquisterebbe di nuovo i giovani cuori. Se non si vince questa sfida il motociclismo è condannato ad essere un fenomeno di nicchia per pochi privilegiati dal portafoglio largo, dove a contare sarà sempre di meno la passione, sempre di più il narcisismo e la voglia di possedere un mero status symbol. La passione non ha mai smesso di esserci solo che, purtroppo, non tutti possono darle uno spazio reale.

Di rilievo è la capacità dei principali produttori di abbigliamento tecnico di rendere ancora più stretto il legame tra la sicurezza e l’aspetto modaiolo; indossare un casco o una giacca tecnica oltre che doveroso per difendersi è anche bello perché si tratta di capi cool. L’aspetto fashion, finalmente, invoglia ancor di più l’appassionato a non sorvolare nella difesa della propria incolumità.

A dire il vero ho visto anche “ciofeche esotiche” che meriterebbero d’essere daziate perché pesanti insulti sia alla sicurezza sia alla professionalità dei lavoratori italiani. Una piccola parentesi: delocalizzare è lecito così come è altrettanto lecito difendersi dal dumping sociale. Ho notato con interesse le numerose proposte di chi realizza accessori per rendere le nostre amate ancora più belle o performanti. La presenza di tanti marchi nel filone dell’after market è sinonimo di fermento, e ho visto prodotti in grado di soddisfare davvero i gusti e le esigenze più disparati.

Uno degli aspetti negativi che mi dispiace sottolineare è che molte aziende, anche di un certo prestigio e livello, non hanno la figura dell’addetto stampa; una mancanza gravissima, specie in un’epoca dove la forma conta come se non di più della sostanza stessa. Poi, vabbè, qualche casa ci ha snobbato perché ,forse, forte dei suoi dati vendita, così come certe case, nonostante i dati di vendita lusinghieri, hanno offerto un’accoglienza a dir poco eccellente.

Su tutti mi preme ringraziare Giovanni Castiglioni, il presidente della Mv Agusta, che ci ha concesso un’intervista emozionante; anni fa ebbi modo di intervistare il padre Claudio, un vero Signore. Signorilità che ho riscontrato nel figlio, al quale faccio i complimenti per come guida l’azienda e produce autentiche opere d’arte ricche di fascino e tecnologia. La grandezza di un’azienda si vede anche in questi aspetti. Per concludere, tra uno stand e l’altro, ho incontrato tanti amici del settore e nei loro occhi ho intravisto una luce che va oltre la semplice speranza. Per la prima volta dopo anni non ci siamo lamentati ma abbiamo scambiato chiacchiere su un futuro che, siamo convinti, si rimetterà in moto.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5942 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.