5 dicembre 2016

Yamaha presenta la nuova special dedicata alla XSR700, Super7 by JVB-Moto

Grazie alle numerose creazioni presentate negli ultimi anni, il programma Yard Built ha contribuito a far conoscere agli appassionati delle due ruote l’affascinante mondo della customizzazione: le collaborazioni strette da Yamaha con i migliori bike builder internazionali hanno infatti dato vita ad imperdibili modelli, tutti derivati dalla gamma Sport Heritage.

Dopo il sorprendente Concept presentato a Wheels and Waves da Shinya Kimura per il lancio della XSR700, oggi è il turno di “Super 7”, una nuova ed incredibile interpretazione della prima delle Faster Sons di Iwata, proposta dai tedeschi di JvB-moto. Senza operare alcun taglio o saldatura, la bicilindrica tre diapason è stata letteralmente “spogliata” per essere portata alla sua essenza originale: il risultato è una Special che riflette la potente ed agile natura della XSR700 di serie.

«Non vediamo l’ora di scoprire come la nuova XSR700 entrerà nel mondo delle due ruote» ha dichiarato Shun Miyazawa di Yamaha Motor Europe. «Sei anni di collaborazioni con i migliori customizzatori ci hanno permesso di arrivare dove siamo oggi. Un aspetto di fondamentale importanza nel processo di progettazione della XSR700 è stato quello di creare un mezzo che non appartenesse ad un singolo stile, come scrambler, Flat Tracker o Café Racer, ma che fosse aperto a diverse ed inedite possibilità di personalizzazione. Abbiamo coltivato la nostra filosofia costruttiva per i modelli che chiamiamo “Faster Sons”, riferendoci all’idea che le prestazioni di guida del passato possono essere arricchite da quelle contemporanee. Jens di JvB-moto è stato uno dei maggiori sostenitori di questa nuova idea e per noi è stato naturale offrirgli l’opportunità di presentare una nuova collaborazione».

«Il nostro primo progetto VMAX Infrared è stato un enorme successo, superando tutte le aspettative» ha aggiunto Jens vom Brauck di JvB-moto. «Questa Special è ovviamente molto diversa: ho riportato il modello alla sua originale essenza e ne ho mostrato l’anima, ossia il suo straordinario telaio. Ho quindi voluto trasformarne l’aspetto in modo da far vedere quanto fosse agile, leggera e potente. Una delle cose che mi piace di questa moto è la possibilità di rimuoverne la culla posteriore in modo da avere una coda più corta e darle un aspetto diverso; bastano infatti solo un paio di viti per modificare la sella. A breve fabbricheremo tutte le parti in modo che chiunque possa personalizzare la propria XSR700 in una “Super 7″».

Molte delle componenti montate su questa Special, come faro anteriore, indicatori a LED e supporto per il tachimetro Daytona, sono state infatti realizzate direttamente da JvB-moto e saranno disponibili per i futuri rider di XSR700. Le protezioni laterali e la sella, che conferiscono alla moto il suo profilo caratteristico, sono state anch’esse prodotte da JvB-moto, così come il supporto dello scarico Arrows, i due parafanghi, le luci di posizione e il fissaggio della targa. La “Super 7” monta pneumatici Pirelli Dragon Supercorsa per offrire una tenuta di strada totale e, grazie agli ammortizzatori Öhlins sul retro, si ha un totale controllo del mezzo. La forcella è stata modificata, così come i riser del manubrio LSL che lo posizionano ora all’altezza del serbatoio. Non mancano anche il serbatoio del freno posteriore e il regolatore lucidato personalizzato. La pedane e i relativi supporti sono stati personalizzati, come anche gli indicatori a LED creati sempre da JvB-moto che valorizzano l’anteriore della moto. Per dare un tocco finale ai “fianchi” del mezzo, le protezioni del motore e altre piccole componenti hanno ricevuto una finitura sabbiata.

[flickr_set id=”72157661210944202″]

About Emanuele Bompadre 8230 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.