10 dicembre 2016

Calcio – Promozione, Real Colosseum il rientrante Matozzo incide subito: “Siamo qui per questo”

Il Real Colosseum lo ha aspettato a lungo, considerato l’infortunio al gomito subito alla prima giornata che lo aveva costretto ai box. E nella prima gara da titolare dopo due mesi, Simone Matozzo ha fatto capire a tutti cosa è mancato al club capitolino. Due perle in poco più di mezzora alle quali ha fatto seguito la prodezza di un altro giocatore “fuori categoria” come Pangrazi: così, il Real Colosseum ha piegato la resistenza dell’ottima Pro Roma, capace nel secondo tempo di accorciare le distanze fino al 3-2 conclusivo.
Abbiamo iniziato bene la partita – dice Matozzo – e probabilmente gli avversari non meritavano di stare sotto di tre reti all’intervallo. Nella ripresa abbiamo forse calato un po’ la concentrazione e gli ospiti si sono rifatti sotto, facendoci un po’ preoccupare nel finale. La mia doppietta? Se ci hanno voluto qui, è per cercare di fare quello che sappiamo.” La sua assenza prolungata, assieme ai problemi fisici che hanno colpito anche altri elementi importanti della rosa capitolina, ha indubbiamente inciso sulla classifica del Real Colosseum. La coppia di testa formata da Unipomezia e Team Nuova Florida non accenna a rallentamenti e rimane a +3 dai capitolini, costretti di fatto a inseguire dall’inizio della stagione.
Personalmente non è un problema dover pensare a rincorrere anche perché il campionato è lungo e non mi sembra ci sia una squadra in grado di “ammazzarlo”. Qualche settimana fa ci eravamo prefissati di vincere le cinque partite che ci dividevano dallo scontro diretto con l’Unipomezia: per ora siamo a tre….” La prossima, però, sarà estremamente complicata. “Faremo visita al Dilettanti Falasche e sappiamo già che sarà una battaglia – rimarca l’attaccante classe 1982 fresco vincitore della Promozione con la maglia del Città di Ciampino – Dobbiamo immediatamente cancellare quei “black out” di dieci o quindici minuti che spesso ci condizionano durante le partite.” Con gente come Matozzo, comunque, anche quei momenti di tilt possono essere “assorbiti” più facilmente.