7 dicembre 2016

Attentato di Parigi, la studentessa romana salva per un contrattempo

Una donna con un mazzo di fiori davanti al Carillon café e al Petit Cambodge, dove sono morte 12 persone negli attentati di venerdì. (AP Photo/Jerome Delay)

Venerdì sera avevamo in programma di andare a cena al Le petit Cambodge, ma per fortuna alla fine abbiamo cambiato idea e siamo rimaste a casa. Quando poi ho visto al telegiornale quello che ci sarebbe potuto accadere ho provato una sensazione di terrore. Ancora adesso non riesco a crederci”. E’ la testimonianza di Flavia, una studentessa quindicenne che studia nella classe VA del liceo classico “Luciano Manara” di Roma che per questo week-end era andata a trovare un’amica a Parigi e che, per un provvidenziale ripensamento, venerdì sera, non si è trovata in uno dei luoghi teatro dei tragici attentati di Parigi. La giovane, all’agenzia di stampa 9colonne, racconta del panico scatenatosi nella città e della tensione che si registra anche adesso nel 16esimo arrondissement, dove alloggia. “Ho passato tutto il week-end chiusa in casa – racconta –. Ora sto bene ma dopo quello che è successo sono contenta che questa sera rientrerò in Italia”.

Fonte fotografica: ilpost.it