8 dicembre 2016

Dopo la morte, la disperazione, la paura e la rabbia, reagiamo!

Gli attentati di Parigi hanno fatto ripiombare la Francia e l’Europa nel terrore. Morte, disperazione, paura e rabbia sono le parole che meglio fotografano lo stato dei fatti e dei sentimenti di tutti noi. Attentati rivendicati dall’Isis che testimoniano una volta per tutte che l’idea degli Stati Uniti d’Europa è fallita così come è fallita l’idea di voler far integrare nella nostra civiltà chi non ha nulla a che vedere con lei. Come ha affermato Papa Francesco, quanto accaduto è un pezzo di una guerra mondiale. Concordo ma ricordo che siamo in guerra non da venerdì sera. Siamo in guerra da quando abbiamo permesso l’ingresso indiscriminato nei nostri paesi di donne e uomini che hanno dei valori ed una visione della vita incompatibili con i nostri; sottolinearlo non è xenofobia bensì dire i fatti come stanno. A furia di diventare tolleranti abbiamo tollerato anche gli intolleranti. Siamo in guerra da quando con la scusa della presenza di armi di distruzione di massa (mai rinvenute….), gli Usa e i loro paesi vassalli hanno invaso l’Iraq e l’Afghanistan (per combattere quei Talebani che stesso gli americani avevano formato e armato per contrapporli ai russi). Nel 2011 la coalizione franco-inglese con la scusa di rimuovere il dittatore Gheddafi (con il quale hanno fatto affari per trent’anni…), ha armato i suoi oppositori e bombardato la Libia. Che dire dei finanziamenti ai nemici di Assad in Siria? Hollande che faccia ha quando parla di fondamentalismo pericoloso riferendosi, di fatto, a quanti in parte la sua nazione ha in qualche modo agevolato? Siamo in guerra da quando abbiamo deciso di depredare le terre africane a favore delle nostre multinazionali. Siamo in guerra da quando abbiamo scelto di appoggiare le invasioni degli esportatori di democrazia (quella che se non hai una polizza sanitaria non hai diritto alle cure mediche). Anni di politiche internazionali sbagliate e di politiche interne troppo accomodanti hanno portato a questa situazione. Quando affrontiamo il nodo su come evitare che simili tragedie si ripetano in futuro, dobbiamo chiederci chi ha finanziato, armato e addestrato queste persone? E’ un insieme di scelte sbagliate che ci ha portato a questo inferno. E’ soprattutto l’aver rinnegato noi stessi, insieme allo svilimento dei nostri valori, che ci ha portato all’attuale dramma. La globalizzazione e la sua visione di mercato sono l’humus che rende fertile la crescita di fenomeni che usano la violenza per imporre la propria visione. Chi parla di dialogo a quale si riferisce a quello delle operazioni militari, a quello delle spoliazioni delle multinazionali o quello di chi rinnega i nostri valori millenari? In questo contesto, a mio parere, le colpe sono di tutti, soprattutto le nostre. Ora come ora non bisogna far vincere il terrore ma occorre trovare il coraggio per reagire. A mali estremi, estremi rimedi. Iniziamo con il non basare il nostro benessere sull’impoverimento di donne e uomini che vivono in altri continenti. E’ logico che se rompiamo le scatole ad uno prima o poi ci sarà la sua reazione. Le maglie delle frontiere, poi, vanno portate ai minimi termini, anche per coloro che scappano da una guerra; quest’ultimi dovranno essere aiutati nelle loro terre e non più in Italia. Quanti terroristi sono arrivati con la scusa di fuggire da una guerra? I nemici sono già tra noi. Coloro che non accettano la nostra cultura, i nostri valori, la nostra visione della vita e della società o si adeguano o via. Il diritto di accoglienza dovrà essere corredato dal diritto di reciprocità: quello che puoi fare nel mio paese io posso farlo nel tuo, altrimenti ognuno a casa sua. Chi tra noi ha una visione contraria a quella della maggioranza ha il diritto d’essere rispettato nella misura in cui la sua visione rientra nel recinto di ciò che non nuoce alla stessa maggioranza. Non dimentichiamo, poi, che l’eccesso di libertà induce i cittadini a consegnarsi a un difensore, solitamente un demagogo, il quale sollecita le istanze irrazionali degli individui e riesce a farsi consegnare ‘democraticamente’ il potere, trasformandosi in tiranno, ed eliminando tutte le libertà della democrazia. Va rivista l’idea di Unione Europea, ridotta ad essere oggi un contenitore dove, senza un comun denominatore di valori e programmi al servizio dei popoli, ciò che conta è la mera salvaguardia dei luoghi della speculazione in nome e per conto del “dio euro”. Chiedetevi perché la Germania ha spalancato le porte ai profughi siriani? Le parole “forza lavoro sottopagata” non vi fanno venire in mente l’abbattimento di ciò che resta dei nostri diritti? Per ricreare questi anticorpi occorre tanto tempo e l’impegno di tutti. Occorrono la consapevolezza di essere il popolo italiano, l’amore per il tricolore e per ciò che rappresenta. Occorre l’orgoglio di avere alle spalle una storia che ci ha visto protagonisti per millenni. Occorre non rinnegare le nostre radici, ma anzi lavorare tutti insieme per curare un albero che è stato la culla della civiltà. Occorre spezzare le catene di una globalizzazione e di un mondialismo che altro non sono che sistemi che ci vogliono ridurre in sudditi omologati, poveri e ignoranti. Tolleranza e rispetto, sia chiaro, non significano sottomissione. Soprattutto non si può essere tolleranti e rispettosi di tutto e tutti. Anche se non condivido ciò che dici, difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo. Abbi bontà, però, se sarò sempre e solo io a decidere se morire per te e non tu.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.