4 dicembre 2016

Roma – Atac, antievasione: a ottobre record di sanzioni elevate ai senza biglietto

 

Atac ha notevolmente potenziato l’attività di verifica e i risultati registrati nello scorso mese di ottobre confermano che l’azienda ha intrapreso la direzione giusta aumentando il personale addetto alla verifica e migliorando l’organizzazione delle attività, anche grazie all’utilizzo delle nuove tecnologie.

I dati di ottobre 2015 vs ottobre 2014. Nel mese di ottobre sono stati emessi 10 mila verbali (10.565) su 213.809 passeggeri controllati. Un dato che conferma e rafforza il trend positivo che caratterizza da inizio 2015 l’attività di verifica effettuata da Atac su bus, metro e ferrovie gestite. Basti pensare che a ottobre 2014 il dato sulle multe era di circa 7.500 verbali fatti dopo aver controllato circa 170 mila clienti. Quindi le sanzioni sono aumentate del 33% e i passeggeri controllati del 25%. Rilevante anche il dato relativo ai 1.529 verbali che sono stati pagati entro 5 giorni dalla contestazione. Termine che permette di ridurre la sanzione di circa il 50% e che ha consentito ad Atac di incassare subito oltre 80 mila euro. Ciò ad evidenziare il successo della piattaforma online attiva su www.atac.roma.it per pagare le multe in forma ridotta.

Strategie di controllo. Il personale di verifica ha svolto attività di controllo in specifiche zone della città ritenute più sensibili al fenomeno dell’evasione. Particolare attenzione dedicata anche alla popolazione scolastica della città, col doppio obiettivo di ridurre il fenomeno dell’evasione tra gli studenti e sensibilizzarli all’uso corretto dei titoli di viaggio.   

Focus controlli su linea C. Prosegue da settembre l’attività quotidiana di controllo sulla linea C. Verifiche su treni e stazioni che permettono una presenza costante antievasione sulla terza linea della metropolitana di Roma.

Viaggiare senza il rischio di brutte sorprese. Atac proseguirà incessantemente l’azione di  forte contrasto all’evasione anche nei prossimi mesi. Per questa ragione l’azienda invita la clientela a munirsi di biglietto e timbrarlo una volta a bordo. Anche gli abbonati devono vidimare il loro titolo, avvicinando la tessera a centro della validatrice. In tal modo il cliente avrà sempre contezza dello stato del proprio titolo e faciliterà le attività di controllo a chi verifica.  Allo stesso tempo aiuterà l’azienda a definire le statistiche sulla fruizione del servizio che aiutano Atac a ottimizzare gli orari delle linee.

Atac ricorda che viaggiare senza titolo espone chi lo fa al rischio della sanzione amministrativa di euro 104.90 (100 euro sanzione, 1,5 euro per costo del biglietto e 3,4 euro per spese di procedimento) ed è un gravissimo atto di inciviltà che danneggia la comunità e gli utenti del servizio pubblico, sottraendo risorse proprio al trasporto pubblico locale.

About Samantha Lombardi 4007 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it