10 dicembre 2016

Terrorismo, Dambruoso: “Collaborazione degli immigrati musulmani fondamentale per la prevenzione”

L’On. Stefano Dambruoso, Questore alla Camera dei Deputati, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

“Gli arresti di ieri –ha spiegato Dambruoso- confermano la presenza in Europa di una rete di terroristi di origine curda che hanno già dato segnali della loro presenza da più di 15 anni nel nostro Paese. Il loro leader, il Mullah Krekar, è stato più volte indagato dall’Italia stessa. Non si tratta di un dejà vu che deve indurci a sottovalutare quello che è emerso dalle indagini, cioè progettualità terroristiche in senso lato. Ogni volta che c’è un’indagine che ricorda la presenza di gruppi jihadisti sul suolo europeo, è un’utile occasione per ricordarci che dovremo continuare a convivere con questa minaccia e a sviluppare tutta l’attività di prevenzione e repressione possibile perché questo fenomeno non può essere ritenuto superato nel giro di breve tempo. L’eliminazione del problema passerà anche attraverso l’attività di deradicalizzazione su cui alla Camera sto lavorando molto”.

“La componente di fanatismo spiega il perseverare in questo tipo di condotte –ha sottolineato Dambruoso-. Inoltre loro pensano che con messaggi criptici, con dialetti delle loro zone, con linguaggi in codice, riescano a sfuggire al monitoraggio dell’intelligence.  Ma non è così”.

“Perché avevano base a Merano? Perché la maggior parte delle persone arrestate –ha spiegato Dambruoso- sono di origine curda e buona parte della popolazione curda è stata costretta ad emigrare per le persecuzioni che vari governi hanno perpetrato nei loro confronti. Una parte di loro si è radicata in Trentino. E intorno a questa base, a questo tessuto, una minima parte ha mantenuto una volontà fondamentalista e di supporto ad attività terroristiche”.

“Riguardo il Giubileo bisogna essere attenti, ma evitare inutili allarmismi –ha affermato Dambruoso-. Questi eventi sono naturalmente più esposti a rischio rispetto al normale, ma abbiamo vissuto di recente anche gli 8 mesi dell’Expo che avevano la stessa problematica. C’è una prevenzione del tutto adeguata. Un’intelligence che ci permette di dormire tranquilla, senza ovviamente escludere l’imponderabile. La qualità del rischio è identica a quella di Francia e Danimarca, con un cittadino europeo musulmano che per un proprio disadattamento umano sceglie la via della Jihad. Il lupo solitario è più complicato da monitorare”.

“La collaborazione degli immigrati musulmani per bene è fondamentale per la prevenzione e il contrasto al terrorismo –ha dichiarato Dambruoso-. L’attività dell’intelligence consiste anche in questo. Si è avviato un percorso di integrazione completa che passa anche attraverso una loro partecipazione e collaborazione all’attività. Hanno capito che gli conviene evitare che quel pregiudizio che accomuna i musulmani non pregiudichi la loro accoglienza nella comunità italiana”

Fonte: Radio Cusano Campus