3 dicembre 2016

Roma – Ciocchetti, Conservatori e Riformisti: “Appello a Marchini e Meloni, non consegnamo la città al M5S”

Luciano Ciocchetti, esponente dei Conservatori Riformisti, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it) .

“La confusione è in tutto il sistema politico italiano, non c’è soltanto a Roma –ha affermato Ciocchetti-. Siamo dentro una fase di disgregazione della politica e dei partiti, sotto la spinta della rottamazione da una parte, con personaggi che hanno terminato la loro esperienza politica. Nel centrodestra c’è da fare un ragionamento che può aprire anche degli scenari opportuni per il futuro italiano. Mettendo da parte gli interessi personali, si possono mettere insieme i partiti del centrodestra e le liste civiche come quelle di Marchini. Il mio appello è che Marchini e Meloni si incontrino in privato e trovino il modo di accordarsi, evitando che a Roma vinca il Movimento 5 Stelle. FDI è un partito nazionale che ha interessi anche in altri comuni, come quello di Latina, dove FI ha fatto sciogliere il consiglio comunale che era un esponente di FDI. Quindi i nodi vanno sciolti anche fuori Roma. Ci sono delle esigenze più ampie, si vota in molti comuni in questa tornata elettorale. Io cercherò di fare un lavoro di coesione. Non dobbiamo permetterci il lusso di lasciare in mano la città ai 5 stelle che portano avanti idee pericolose, come la decrescita felice, come licenziare tutti i dipendenti pubblici. Un conto è parlare alla pancia della gente, un conto è amministrare Roma”.

“Conservatori Riformisti? Si chiama così perché noi siamo collegati al gruppo europeo dei conservatori riformisti (ECR) di David Cameron –ha spiegato Ciocchetti-. Unico partito che sta battendosi davvero per cambiare i famosi trattati europei che ci hanno ridotti alla fame. Ci sono molte cose da conservare in Italia, i valori etici legati alla famiglia, il sistema delle piccole-medie imprese. Bisogna cambiare in politica economica e sociale tutto. Bisogna riformare l’economia, la burocrazia, introdurre meccanismi liberali nella nostra PA, nel rapporto tra cittadini e istituzioni”.

Fonte: Radio Cusanio Campus