2 dicembre 2016

Roma – Atac, sosta: il parcheggio di piazzale Partigiani diventa hi-tech

Installato sistema di automazione a sbarra con pagamento in cassa, attivo dal lunedì alla domenica,  dalle 6 alle 23. A breve si potrà pagare anche con le App

Atac, cui di recente è stata affidata la gestione, ha iniziato la rivoluzione hi-tech per il parcheggio di piazzale dei Partigiani. Da oggi, infatti, è entrato in funzione un sistema di automazione a sbarra con pagamento in cassa del corrispettivo di sosta.

Gli investimenti proseguiranno nei prossimi mesi fino ad arrivare a una struttura completamente automatica, fornita delle tecnologie più moderne per facilitarne la fruizione.

Con l’installazione del nuovo sistema di automazione a sbarra l’utente, una volta parcheggiata l’auto, dovrà recarsi dall’operatore di cassa per ritirare il ticket di sosta.

Al momento del ritiro dell’auto il cliente dovrà passare in cassa con il ticket di sosta, pagare l’importo corrispondente alla sosta di cui ha usufruito e successivamente inserire il ticket nell’apposito lettore presente sulle colonnine in corrispondenza dei varchi di uscita per consentire l’apertura della sbarra.

Gli abbonati alla sosta del parcheggio Partigiani saranno dotati di una tessera contactless che va avvicinata al lettore di prossimità presente sulle colonnine in corrispondenza dei varchi di uscita per l’apertura della sbarra.

Il parcheggio è attivo tutti i giorni, dalle ore 6 alle 23. Atac ricorda ai clienti che fuori dall’orario di apertura non sarà consentito il ritiro del proprio veicolo.

Presso la cassa presidiata del parcheggio il pagamento della sosta, oltre che in contanti, può essere effettuato mediante POS o carta di credito.

A breve verrà attivata la possibilità di effettuare il pagamento della sosta anche mediante le APP per smartphone dei partner tecnologici di atac.sosta.

About Emanuele Bompadre 8218 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.