9 dicembre 2016

Roma – Operazione “Antium” della GdF porta al sequestro di 800mila euro

Operazione “ANTIUM” I Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma, in data odierna, stanno sottoponendo a sequestro un patrimonio mobiliare e immobiliare, del valore stimato di oltre 800 mila euro, nei confronti di soggetti appartenenti ovvero contigui al clan “GALLACE”, consorteria di ‘ndrangheta operante nei comuni di Anzio e Nettuno, riconducibile al “locale” di Guardavalle (CZ). I provvedimenti, disposti dal Tribunale di Roma – Sezione Misure di Prevenzione, eseguiti dagli specialisti del G.I.C.O. (Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata) del Nucleo di Polizia Tributaria di Roma, giungono al termine di complesse indagini di polizia economico-finanziaria, avviate nel febbraio 2014 su delega della locale D.D.A., e sviluppate nei confronti degli odierni destinatari dei sequestri:

– GALLACE Angelo, cl. 1966;
– TEDESCO Liberato, cl. 1942;
– TEDESCO Vincenzo Bruno, cl. 1971;
– MALAGISI Romano, cl. 1961;
– GALLACE Bruno, cl. 1942,

nonché di ulteriori 6 soggetti:
– GALLACE Giuseppe Antonio, cl. 1969;
– GALLACE Antonio, cl. 1963;
– PACINI Marco, cl. 1965;
– TAVERNITI Francesco, cl. 1974;
– GALLACE Agazio, cl. 1954;
– RIITANO Paolo, cl. 1976,

i quali, oltre ad essere gravati da numerosi e significativi precedenti di polizia, sono stati recentemente condannati, in primo grado, con sentenza emessa dal Tribunale di Velletri, per plurimi reati che vanno dall’associazione di stampo mafioso, all’omicidio, al traffico internazionale di sostanze stupefacenti ed alla violazione della legge sulle armi. In linea con le specifiche direttive impartite dalla Procura di Roma, le fiamme gialle del G.I.C.O. hanno sviluppato complessi accertamenti patrimoniali sul conto di numerose persone fisiche e giuridiche, allo scopo di aggredire i patrimoni illecitamente accumulati. All’esito degli stessi, è emerso come i destinatari dei sequestri – grazie alle attività delittuose poste in essere nel tempo – siano riusciti ad accumulare un cospicuo patrimonio mobiliare ed immobiliare, del tutto incongruente con le rispettive capacità contributive. Tali sproporzioni, unite alle qualificate pericolosità sociali, hanno permesso di richiedere – ai sensi del dettato normativo del “Codice Antimafia” D.Lgs 159/2011 – per tutti gli 11 soggetti investigati, l’applicazione della sorveglianza speciale di Pubblica Sicurezza e, per 5 di loro, il sequestro finalizzato alla confisca dell’intero patrimonio, ai medesimi direttamente o indirettamente riconducibile. Le risultanze delle complesse investigazioni esperite sono state partecipate al Tribunale di Roma – Sezione Misure di Prevenzione che, condividendo l’impianto accusatorio prospettato dalla Procura di Roma, con propri provvedimenti, datati 4.11.2015, ha disposto il sequestro di:

– n. 1 ditta individuale;
– capitale sociale, quote societarie e intero patrimonio aziendale di n. 1 società;
– n. 10 unità immobiliari (fabbricati e terreni);
– n. 6 auto/motoveicoli;
– rapporti bancari/postali/assicurativi/azioni, per un valore complessivo di stima pari ad oltre 800 mila euro

Il Tribunale di Roma ha disposto, altresì, la notifica dei decreti di fissazione di udienza, per la discussione in ordine all’applicazione della misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale di P.S., nei confronti degli altri 6 proposti. L’odierna operazione costituisce un’ulteriore prova della costante ed efficace opera di aggressione, effettuata dalla Guardia di Finanza, riguardo ai patrimoni illecitamente accumulati da esponenti della criminalità organizzata, nel caso di specie, stabilmente stanziati in importanti comuni del litorale laziale, quali Anzio e Nettuno.

About Samantha Lombardi 4034 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it