6 dicembre 2016

No all’innalzamento della soglia massima del Fondo di garanzia per le Pmi

Rete Imprese Italia esprime la più ferma contrarietà alle proposte di emendamento che, innalzando la soglia massima garantita per singola impresa da 2,5 a 5 milioni di euro, mirano ad estendere l’accesso al Fondo di garanzia per le PMI anche ad operazioni di grande importo.Tale iniziativa andrebbe a snaturare ulteriormente la funzione del Fondo pubblico di garanzia che nasce con la finalità di sostenere le micro, piccole e medie imprese con difficoltà di accesso al credito e provocherebbe un rapido esaurimento delle risorse a disposizione del Fondo.
La modifica che si vuole introdurre va nella direzione opposta rispetto ad un utilizzo efficace ed efficiente delle risorse pubbliche ed avrebbe l’effetto di concentrarne l’utilizzo, ed il rischio finanziario collegato, su operazioni di grande importo per imprese di dimensioni tali da avere accesso diretto al mercato del credito.
Ciò, soprattutto, in una fase in cui è invece più che mai necessario ritornare ai principi ispiratori dello strumento pubblico di garanzia, supportando le esigenze di accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, per le quali persistono maggiori difficoltà nell’accesso al credito in questa fase di riavvio della crescita economica.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5967 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.