8 dicembre 2016

Mafia Capitale, Alemanno: “La destra scarica le responsabilità su di me come se avessi governato da solo”

Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, in una foto d'archivio. ANSA/MASSIMO PERCOSSI

Gianni Alemanno è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

“Odevaine è di sinistra quindi se deve scaricare qualcosa addosso a qualcuno la scarica a destra –ha affermato Alemanno-, del resto era l’uomo di fiducia di Veltroni. Dopo la vecchia storia secondo cui che portavo soldi in Argentina, adesso ne ha sparate altre durante l’interrogatorio. Un’altra balla che ha detto è che noi ci saremmo affidati al sistema Buzzi, peccato che con lo stesso Buzzi e la mia giunta c’è stato un forte conflitto per un anno intero. Si è inventato un mio interessamento alla vicenda di Bufalotta, fatta da Veltroni e non da me. Forse ha sbagliato sindaco, si è confuso tra me e Veltroni. Il personaggio si commenta da solo. L’ho denunciato per calunnia. Lui opera molto per sentito dire. Quello che è sconcertante è che per queste cose abbia guadagnato i domiciliari. La collaborazione deve essere attendibile e verificata, altrimenti sarebbe pericoloso se bastasse spararle grosse per ottenere sconti di pena. Se Mafia Capitale sarà un normale processo o una bagarre,  dipenderà più dai giornali che dai magistrati”.

“Se io avessi fiutato qualcosa mentre ero sindaco, l’avrei denunciato –ha proseguito Alemanno-. Si comincia a parlare dalla giunta Alemanno e si continua con quella Marino. Ma non si parla di Rutelli e Veltroni. C’è una specie di blocco temporale, quando Buzzi ha iniziato a parlare di Veltroni è stato subito bloccato. Mafia Capitale è una vicenda di sinistra, iniziata negli anni del centrosinistra. Poi c’è anche qualcuno di destra coinvolto, ma in minoranza. Ecco la ricostruzione della sinistra rispetto a Mafia Capitale: Rutelli santo e messo sugli altari, su Veltroni e Zingaretti silenzio totale e poi male assoluto con Alemanno e poi il povero Marino che è stato travolto dall’eredità di Alemanno. In realtà Marino ha responsabilità perché ha lasciato la città allo sbando. Problemi che noi fronteggiavamo a malapena, li ha fatti esplodere completamente. Dal centrodestra però  si sono voltati dall’altra parte, facendo il verso al M5S. Bisogna saper difendere quanto di buono è stato è fatto durante la giunta Alemanno. Mi sto riferendo a tutti, che fanno finta di cadere dalle nuvole. E’ come se io avessi sbagliato da solo, facevo tutto io. Questa è una linea scorretta e fragile. In ottica politica bisogna avere il coraggio di indicare le molte cose buone fatte durante l’amministrazione Alemanno e poi il fatto che quando è arrivato Marino le cose sono tremendamente peggiorate. Invito tutti ad essere più maturi e più seri”.

“Azione Nazionale? E’ un movimento politico –ha spiegato Alemanno- che si pone due obiettivi: difendere gli interessi nazionali e continuare a riunificare la destra politica e sociale, che oggi è divisa. FDI non rappresenta tutta la destra. In poche settimane abbiamo aggregato un vastissimo gruppo di persone che stanno arrivando da tutta Italia. Faremo la prima manifestazione sabato 28 novembre a Roma. Ieri c’era Fdi da un lato e un arcipelago di soggetti dall’altro. Oggi ci sono due realtà: FDI e Azione Nazionale”.

Sulla manifestazione di Bologna. “In queste condizioni non ci saremmo andati anche se ci avessero invitato –ha affermato Alemanno-. Ho il massimo rispetto per Salvini, che è leader più attivo e propositivo in questo momento. Ma andare in quella manifestazione a casa sua rischiava di essere una cambiale in bianco. Mancavano i tricolori e i contenuti, c’era troppa demagogia. Fare un centrodestra senza il tricolore non è possibile. Riconosciamo come interlocutori Salvini, Meloni e Berlusconi, ma ci devono essere contenuti e si devono fare le primarie. Non andiamo a dare cambiali in bianco a nessuno e non vogliamo essere subalterni. L’immagine è stata di un Salvini leader e gli altri due subalterni. Salvini ha avuto da loro una delega in bianco, in questo modo il centrodestra rischia di rimanere sotto il 30% ed è un regalo a Renzi”.

Fonte: Radio Cusano Campus