6 dicembre 2016

“Dio esiste e vive a Bruxelles”: dal 26 novembre al cinema

Dopo l’acclamatissimo esordio in Francia, seguito da Belgio e Svizzera, “Dio esiste e vive a Bruxelles” sarà anche in Italia dal 26 novembre. La pellicola è tra i 52 film in corsa per gli European Film Award e rappresenterà il Belgio alla corsa degli Oscar per il Miglior Film Straniero.
La trama è surreale e incentrata sulla figlia di Dio, una bambina di undici anni stanca delle angherie che suo padre fa subire quotidianamente agli uomini rendendola difficile e piena di ostacoli.

Dopo l’ennesimo litigio, Ea scende tra gli uomini per scrivere un nuovo Nuovo Testamento che ci permetta di cercare la nostra felicità; ma, prima di andarsene, usa il computer del Padre per liberarci dalla più grande delle nostre paure inviando a ciascun essere umano un sms con la data della propria morte.

“Io e l’altro autore, Thomas Gunzig, siamo partiti dall’idea che Dio esista – spiega il regista Jaco Van Dormae -. E se Dio fosse un bastardo? In più, e se oltre a un figlio avesse anche una figlia di cui nessuno conosceva l’esistenza? E se lei avesse 10 anni e Dio, suo padre, fosse così odioso che lei si vendica di Lui rivelando a tutti gli abitanti del pianeta via SMS il suo segreto più gelosamente custodito, ovvero la data della loro morte? Da lì in poi, qualunque riferimento alla religione si trasforma in una favola surrealista. Non sono credente, ma sono stato cresciuto secondo il cattolicesimo. Sono interessato alle religioni così come alle belle storie. Ricordo che da bambino mi chiedevo: “Perché Dio non ha fatto niente quando Suo figlio è stato crocifisso?” Perché non fa niente quando i bambini muoiono di leucemia? Perché Batman salva le persone, mentre Dio no?

Il maestro della comicità Jaco Van Dormael ci regala un’opera surreale e spassosa che ha entusiasmato anche la platea di Cannes: “Il mio obiettivo non era deridere la religione. Io non sono credente, perciò ho affrontato questo tema semplicemente come una bella storia da raccontare, cercando di immaginare come sarebbe se Dio fosse donna, e se fosse rivelata a tutti la loro data di morte“.