10 dicembre 2016

Il Papa a Prato sprona contro “il cancro dello sfruttamento e il veleno dell’illegalità”

12/06/2013 Città del Vaticano, piazza San Pietro, udienza generale del mercoledì , nella foto papa Francesco

“La sacralità di ogni essere umano richiede per ognuno rispetto, accoglienza e un lavoro degno“. Su piazza del Duomo, gremita come nessun altro scorcio di Prato, il Pontefice sa di non poter stabilire un migliore collegamento sentimentale fra sé e la città. E il pubblico, i pratesi, rispondono con un applauso e uno sventolio di bandierine gialle e bianche, le migliaia di insegne vaticane distribuite alle prime avvisaglie del mattino. È in questo frangente che il Pontefice diffonde il messaggio chiave della mattinata, una censura dello sfruttamento della manodopera partendo dalla memoria del rogo di via Toscana del dicembre 2013: “Mi permetto di ricordare i 5 uomini e le 2 donne morti due anni fa a causa di un incendio della zona industriale di Prato– afferma-. Dormivano all’interno dello stesso capannone, nel quale hanno ricevuto un piccolo dormitorio di cartone e di cartongesso per sfruttare l’altezza della struttura”. Un episodio che Papa Francesco definisce “la tragedia dello sfruttamento e delle condizioni inumane e questo non è lavoro degno. La vita di ogni comunità- aggiunge- esige che si combattano fino in fondo il cancro della corruzione, il cancro dello sfruttamento e il veleno dell’illegalità. Dentro di noi e insieme agli altri, non stanchiamoci mai di lottare per la verità”.
Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5993 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.