11 dicembre 2016

Civati, Possibile: “M5S forse ha paura di vincere a Roma e punta all’All-In sul 2018”

Giuseppe Civati, deputato ex Pd e fondatore del movimento politico Possibile, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it) .

Civati ha deciso di non aderire a Sinistra Italiana. “Io non aderisco a un partito che nasce dallo spostamento di parlamentari da un gruppo all’altro –ha spiegato Civati-. Non mi ha convinto questo passaggio burocratico con tutti che  confluiscono nel gruppo di Sel. Non bisogna partire dal Palazzo, che ormai è un problema. C’è bisogno di forze che nascano dalla società. Io a maggio ho proposto di fare una cosa più suggestiva, ovvero che i nostri componenti confluissero in comitati locali. Dovremmo provare, rischiando il posto, a mettere in condivisione nella società queste nostre risorse. Io non voglio essere un problema, propongo la ricostruzione di uno spazio democratico. Vorremmo stare in contatto con le persone. C’è una presa forte nella società di un maggiore egualitarismo, della devastazione delle lobby che condizionano la politica italiana. Le formule di partito sono l’ultima cosa che arriva”.

“Alfano ormai è amico di Renzi –ha affermato Civati-. E’ chiaro che Renzi sta costruendo un partito di centro che cerca sponde a destra e a sinistra. Poi però c’è il rischio che al ballottaggio il popolo che lui trascura, quello del Movimento 5 stelle e della sinistra, prenda i forconi e voti contro di lui. Il pd non è più a sinistra, quindi a sinsitra c’è uno spazio libero. Happy Days? Forse Fassina pensava a Fonzie. E’ un paragone che ci sta. La rappresentazione che Renzi dà del Paese è troppo rassicurante. Renzi sta facendo sta cosa del ponte sullo stretto… Altro che happy days, è la ciliegina sulla torta degli ultimi 20 anni”.

“Fassina con il M5S? Ragionamento suggestivo –ha dichiarato Civati-. Temo che a Roma pensino di vincere da soli quindi non credo che si verificherà. A Roma se i 5 stelle giocassero un leader nazionale vincerebbero a mani basse. Potrebbero aver paura di vincere a Roma. Puntano tutto sul 2018, senza confrontarsi con nessuno di noi perché vogliono fare All-in sul 2018. Secondo me non è molto responsabile”.

 

 

Testo liberamente riproducibile, con citazione della fonte