5 dicembre 2016

Secche di Tor Paterno, recuperate le reti da pesca a salvaguardia delle gorgonie

I subacquei del CREA Mediterranea e i pescatori della Cooperativa Calafuria insieme per l’operazione di recupero a salvaguardia delle splendide Gorgonie presenti sui fondali. 

Maurizio Gubbiotti, Commissario straordinario di RomaNatura: “L’intervento di recupero è stato reso possibile grazie alla sinergia degli operatori che a vario titolo lavorano nell’area marina protetta. Questo è un segnale importante di collaborazione con l’Ente gestore”. 

Nei giorni scorsi è stato ultimato il recupero di una rete da pesca lasciata in abbandono nei pressi della boa n.7 dell’Area Marina Protetta delle Secche di Tor Paterno ad una profondità di circa 20 metri.

L’operazione congiunta e tempestiva di un team di subacquei del CREA Mediterranea e di un imbarcazione della Cooperativa Calafuria ha evitato che la rete potesse strappare le gorgonie presenti in un punto di fondale tra i più belli delle Secche.

Maurizio Gubbiotti, Commissario straordinario di RomaNatura: “L’intervento di recupero è stato reso possibile grazie alla sinergia degli operatori che a vario titolo lavorano nell’area marina protetta. Questo è un segnale importante di collaborazione con l’Ente gestore. Desideriamo esprimere così il nostro ringraziamento e l’attestazione di stima nei loro confronti”.

Un’ulteriore ispezione e perlustrazione della zona da parte degli operatori ha individuato un altro spezzone di rete posizionato tuttavia in un punto non a rischio per l’ecosistema marino circostante. Quest’ultimo, condizioni meteo permettendo, sarà recuperato nella giornata di giovedì 12 novembre con le medesime modalità adottate nell’intervento di venerdì scorso.

Tutto il materiale recuperato nel fondale è stato depositato, per le successive azioni di competenza da parte dei Guardiaparco dell’Ente.

About Emanuele Bompadre 8226 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.