10 dicembre 2016

MotoGP, Valencia: la pagella del Dicos

JORGE LORENZO 10 e titolo: Il biaggista più veloce del mondo vince alla grande senza se e senza ma. Qualifica record, esecuzione magistrale in gara, il maiorchino conquista la settima vittoria stagionale ed il quinto titolo mondiale. Quanti dicevano che era debole psicologicamente hanno avuto l’ennesima dimostrazione della loro mala fede. Al di là dei numeri che gli danno ampiamente ragione, Jorge, dopo una certa firma, ha dato quasi sempre dimostrazione, nonostante alle volte certe scelte di pneumatici sono apparse per lo meno “strane”, d’essere il più bravo nel saper settare la moto e sfruttarne l’enorme potenziale. Su per certa stampa altri sono stati il punto di riferimento, tra i cordoli, quando non si è scherzato con il cronometro, è stato lui il vero leader. Qualche errorino l’ha commesso, ma quando si spinge forte per davvero, fa parte del gioco. Pensate se non ci avesse provato….Per qualcuno ha commesso l’errore di non essere stato squalificato anche lui in Malesia….Cos’ e pazz! La pista ha parlato chiaro: campione, punto. #iltitoloèconjorge!

MARC MARQUEZ 9: Secondo davanti al pubblico di casa, dopo la brutta parentesi malese, è un ottimo risultato. Quanti parlano di biscotto perché non ricordano come un loro amico ha vinto il titolo nella 125 ad esempio? Perché non sottolineano che anche se fosse arrivato secondo, il titolo sarebbe andato lo stesso a Jorge? Soprattutto i malignatori che sfornano biscotti e complotti a iosa, perché non fanno prima pace con loro stessi? Dapprima sostengono che chi non è in lotta per il mondiale non deve rompere le scatole, poi…..Soprattutto i biscottifici improvvisati perché tacciono su coloro che si sono letteralmente messi da parte quando hanno sentito arrivare Rossi? I maleodoranti conati scaraventati contro Marc nei giorni precedenti, sia da una certa stampa sia dalla solita tifoseria, sono un’offesa non solo alla sua persona, ma anche all’Italia e al motociclismo. Qualcuno, nel goffo tentativo di offenderlo, ha scritto addirittura di una sua presunta omosessualità. Scusate mi dite cosa cambia tra l’essere gay e uomo? Chi vi scrive ha dato, in qualità di delegato provinciale a Napoli della Fmi, il patrocinio al Gay Pride partenopeo dell’anno scorso; pertanto alcuni si regolassero di conseguenza. Leggere queste zozzerie, perché di zozzerie si parla, è roba che faccio fatica a sopportare. Invito, chi ha del cervello, a riflettere su cosa sono stati in grado di scrivere alcuni indegni omuncoli: odio misto alla calunnia. Omuncoli che continuano a vomitare odio e veleno anche dopo la gara. Prima offendono Iannone, poi gli dicono “escilo” ed alla fine parlano di schifo. Strano, perché per molti di questi Marquez era “l’erede”. “Che gioia vedere guidare Marquez!” urlava qualcuno…..”L’ha sorpassato al Cavatappi, e mica si è lamentato come ha fatto Stoner” sempre qualcuno….”Marc conquista per la simpatia e per il suo viso sempre allegro, che ricorda Vale; in questo sono simili” serafico qualcuno…..”La guida di Marc ci piace!” quel qualcuno gaudente…..Bravo!

DANI PEDROSA 8,5: Inizio sotto tono, finale ad alto ritmo. Nelle ultime battute prova a portarsi davanti a tutti, ma è stoppato dal compagno di squadra. E’ stato divertente ascoltare il tifo per lui di chi ha affermato che nella lotta tra Jorge e Vale, nessuno dei due avrebbe dovuto ricevere regali, perché doveva vincere il migliore; cosa sarebbe stato l’eventuale sorpasso se non un regalo? Bislacche teorie di tifosi alla frutta. “Forza Dani, vai! Eccolo!….Arriva!”….Il suo finale di stagione lascia ben sperare per il futuro. Andiamo!

VALENTINO ROSSI 4,6: Ha sbagliato, a mio parere nel fare il reclamo al Tas, così come ha sbagliato ad affermare che non avrebbe gareggiato ad armi pari. La squalifica non è un castigo divino, anzi…Sbaglia anche nel non presentarsi alla premiazione; sarebbe stato bello vederlo stringere la mano a Jorge e lanciare, così, un bel segnale di pace. L’essere campioni non è anche riconoscere i meriti di chi è stato più bravo? Quest’anno tutto lasciava intendere che sarebbe stata la sua decima volta iridata. Al di là di quanto accaduto a Sepang, analizziamo la sua stagione. La costanza è stata la sua forza, costanza, però, non nella vittoria. Quasi sempre costante nel beccare importanti distacchi in qualifica, ha vinto solo 4 volte. Marquez, nella sua stagione no, ha vinto di più. In Qatar, non dimentichiamolo, c’è stato il problema al casco del compagno di squadra. In Argentina e Olanda cosa è accaduto prima degli arrivi? In Inghilterra, sul bagnato, una Ducati girava un secondo e mezzo più veloce ma nel finale…Con questo voglio dire che anche quando ha vinto, non ha realmente convinto in pieno. Se non erro, si è sempre detto che lui scendeva in pista solo per vincere; mi è sembrato tante volte più un ragioniere che uno squalo. Quanti sono i suoi successi negli ultimi sei anni? Ecco. Caro Rossi, mi permetta, lei sbaglia nel voler a tutti i costi scaricare le colpe sulla Honda e su Marquez, almeno così leggo alcune sue dichiarazioni. Quando dice che la “Honda ha dato il via libera a Marc per far vincere una Yamaha”, sbaglia due volte. La prima perché la trovo una cosa fuori da ogni logica. La seconda perché sminuisce un pochino anche la casa per la quale gareggia. La Yamaha per vincere non abbisogna di aiutini simili. Tralascio la frase sulla stupidità o coda di paglia di Jorge. Sottolineo che è stato in grado di smentire Stoner perché quest’anno con la moto migliore non ha vinto. Nella vita, come nello sport, bisogna saper vincere così come bisogna saper perdere. Farlo significa godersi i piaceri della vita stessa. Di fronte al successo è bello dire che bravo che sono stato, giusto? Bene, di fronte alla sconfitta, sarebbe altrettanto bello affermare che non si è stati abbastanza bravi. Queste sue frasi mi fanno venire in mente una sua famosa affermazione su Biaggi in un dopo gara dove…..Ricorda? Un consiglio: ha vinto tanto così tanto che è considerato una leggenda vivente. Non ne abbia a male, ma il tempo scorre per tutti. Certo c’è sempre l’eccezione che conferma la regola, come il titolo iridato Sbk conquistato da Biaggi a 42 anni, ma quella è un’altra storia. Non è il caso di iniziare a pensare di appendere il casco al chiodo? Continuare così che senso ha? Una curiosità: cosa ha detto a Ezpeleta nel motorhome?

YAMAHA: la migliore che non abbisogna di presunti aiutini ma solo di polsi che danno tanto gas.

HONDA: Bella che balla ma non fino alla fine.

DUCATI: Un pizzico bruttina nelle prestazioni.

SUZUKI e APRILIA: le solite.

BISCOTTIFICIO A SENSO UNICO: “Lasciarlo sfilare o per lo meno non ostacolarlo”.

SCIE CHE NON SCIANO: “Se Marquez attaccasse all’ultima curva Lorenzo, potrebbe mandarlo largo e Pedrosa, con la scia, potrebbe passarlo”.

LA SPINTA: “Forza Dani, dai, spingi, spingi!”.

I MONDIALI: C’è chi ha vinto il mondiale e chi ha fatto figure mondiali.

LO SPECIAL: Lorenzo vince il mondiale e, al termine dei collegamenti, Sky cosa manda in onda? Uno special su chi ha perso.

GOMBLOTTO STORICO: “O sei tu che non sai guidare o è la moto o è un complotto”. Come venne deriso quel pilota? Chi parlava di complotti all’epoca come veniva etichettato? Rosicone, i complotti non esistono!

Chi si lamenta di questo motociclismo perché non inizia ad aprire un focus su certi conflitti di interessi? Se non lo fa, lascia intendere che il suo è solo un lamento fazioso, frutto più della delusione derivata dal tifo che dalla passione per lo sport che amiamo. Sono anni che questo motociclismo, secondo me, deve essere rivisto perché ha aspetti che non vanno bene. Ogni volta che l’ho fatto notare, gli stessi che oggi urlano al “gomblotto” mi davano del visionario complottista. Facile lamentarsi dopo che il vento ha cambiato direzione. Iniziamo ad analizzare questo dato: perché un pilota professionista deve pagare per gareggiare?
Escilo! Escilo! Escilo!

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.