10 dicembre 2016

MotoGP – Valencia, Lorenzo replica a Marquez

Una sessione a testa nella prima giornata di libere e ritmi già alti. Valentino quinto dietro la Ducati di Iannone.

Se il buongiorno si vede dal mattino (nel nostro sport, dalle libere), allora ci aspetta una gara tiratissima ed emozionante. Dopo due settimane in cui si sono scritti fiumi d’inchiostro, stamani la pista è tornata ad essere protagonista. Le stelle della classe regina non si sono fatti pregare, anzi: aspettavano in prima persona di lasciar parlare le rispettive moto.

Jorge Lorenzo (Movistar Yamaha) mandato già un primo segnale al suo compagno di squadra e diretto rivale nella corsa al titolo Valentino Rossi. I due sono divisi da appena 7 lunghezze a vantaggio del pesarese, che però sarà costretto a partire dall’ultima posizione sulla griglia. Il leader del mondiale oggi non è andato oltre il quinto crono, a tre decimi dalla vetta.

Il maiorchino invece al Ricardo Tormo di Cheste è apparso subito a suo agio: fin dal mattino, e poco importa se Marc Marquez (Repsol Honda) gli ha rubato temporaneamente la scena nelle FP1, tenendoselo dietro di 184 millesimi. Ma ‘Por Fuera’ non batte ciglio e nella sessione pomeridiana inizia ad abbassare il ritmo, chiudendo con il miglior crono della giornata in 1’31”111.

Il tempo fatto registrare gli consente di scavalcare in un sol colpo i connazionali della HRC: non solo il riferimento del mattino di Marquez, ma anche quello del suo team-mate Dani Pedrosa che, dopo le vittorie degli ultimi round, prosegue nel suo straordinario stato di forma.

Dietro la prima fila virtuale, troviamo la GP15 di Andrea Iannone (Ducati Team). L’abruzzese marca dunque stretto il veterano di Sabadell: in palio tra i due c’è la quarta posizione in classifica, che attualmente arride allo spagnolo per sole 2 lunghezze.

L’altra moto ufficiale di Andrea Dovizioso (che insieme a Marquez non riesce a migliorarsi nelle FP2) chiude il venerdì al settimo posto assoluto, dopo esser stata quarta in mattinata. Ma è un’altra la Desmosedici a brillare nel pomeriggio: Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing) è il miglior pilota satellite dello schieramento.

Il pilota di Terni fa meglio della M1 di Pol Espargarò (Monster Yamaha Tech3). La RC213V di Cal Crutchlow (LCR Honda) è stretta nella morsa delle due GSX-RR di Aleix Espargarò (che di fatto chiude la Top 10) e Maverick Viñales (SUZUKI ECSTAR).

Il rookie precede il connazionale Hector Barberà: il pilota del team Avintia Racing, che qui a Valencia gioca in casa, si conferma essere il migliore della categoria ‘Open’, seguito dalla wild-card Michele Pirro (Ducati Team). In palese difficoltà l’inglese Bradley Smith, braccato dalla RS-GP del tedesco Stefan Bradl (Aprilia Racing Gresini).

La nuova MotoGP Legend Nicky Hayden (Aspar MotoGP Team) si tiene dietro i rivali Loris Baz (Forward Racing) e Jack Miller (LCR Honda); fanalini di cosa i suoi connazionali, gli australiani Anthony West (AB Motoracing) e Broc Parkes (E-Motion ioda Racing).

La classe regina tornerà in pista domani alle 09:55 locali per la terza sessione di Prove Libere; quindi le FP4 di rifinitura che faranno da preludio ai due turni da 15 minuti delle Q1 e delle Q2 (14:10 e 14:35) che decideranno la griglia di partenza del Gran Premio Motul de la Comunitat Valenciana 2015.
Fonte: MotoGP.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5993 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.