10 dicembre 2016

Roma – Tonelli: “2500 agenti assunti? È una patacca, nessuno dei nuovi sarà impiegato per il Giubileo”

Gianni Tonelli, Segretario Nazionale del Sap- Sindacato autonomo di Polizia, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

“Per logiche di spending review hanno bloccato il turnover –ha spiegato Tonelli-, la naturale sostituzione di coloro che vanno in pensione. Adesso ne vanno in pensione 100 e ne assumono 55. Quest’anno andranno in pensione oltre 500 operatori delle forze dell’ordine tra polizia, carabinieri e guardia di finanza. Il governo ne assumerà 2500. Non è altro che il turnover già previsto. Quindi anziché dire che assumeranno 2500 persone, dovrebbero dire che ne avremo 2500 in meno”.

“Anche dire che queste 2500 persone saranno impiegate su Roma per il Giubileo è una sciocchezza –ha affermato Tonelli-. Queste sono state assunte e sono andate al corso il 1 novembre. Illegittimamente e forzatamente hanno diminuito il corso di formazione e usciranno il 1 di giugno dell’anno prossimo. E al Giubileo nessuno di questi ci metterà piede. Saranno distribuiti sul territorio nazionale. Per il Giubileo ci sarà un rafforzamento di 600 persone. Ci saranno molti agenti in meno rispetto al Giubileo del 2000. Se vogliano dire che l’acqua asciuga e il fuoco bagna lo facciano pure, ma i numeri sono incontrovertibili. Per il Giubileo poi si provvederà, drenando dal territorio ad aggregare altre 2000 persone. Ma sono tutte persone che si tolgono da altri posti in cui si lavora già in grande emergenza, perché mancano 45mila uomini.  In questo modo non si riesce a fare una politica di sicurezza seria. Quest’anno i morti sono aumentati e anche i furti in appartamento, perché c’è meno presenza delle pattuglie in strada”.

“Perché gli altri sindacati di Polizia non protestano? Io li definisco ‘consorterie’ –ha dichiarato Tonelli-. Forse hanno i loro potentati politici che li tengono a libro paga. Noi siamo un sindacato autonomo e abbiamo come riferimento i cittadini e i nostri iscritti, non dobbiamo fare il gioco di nessuno”.

Fonte: Radio Cusano Campus