6 dicembre 2016

Roma – Colpivano le banche e gli uffici postali, maxi retata della polizia, i nomi degli arrestati

 

Dalle prime ore di stamane, gli agenti della Polizia di Stato della 5^ Sezione “Reati contro il Patrimonio e la P.A.” della Squadra Mobile della Questura di Roma, hanno eseguito un’ordinanza di misura cautelare – emessa dal Gip su richiesta della Procura della Repubblica di Roma – nei confronti di 6 soggetti destinatari di ordinanze cautelare in carcere (tra cui un soggetto colpito da un’ordinanza di sottoposizione agli arresti domiciliari) ritenuti responsabili, a vario titolo, del reato di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di reati contro il patrimonio, in particolare, rapine aggravate ai danni di Istituti di credito ed Uffici postali, ricettazione di motoveicoli rubati atti allo scopo ed incendio:

  • TOMBINI Giulio, nato a Tarquinia (VT) il 24.3.1958;
  • BENDIATO Antonio, nato a Roma (RM) il 13.01.1963;
  • OROFINO Luigi, nato a Mirabella Imbaccari (CT) il 28.7.1949;
  • DA ROLD Massimo, nato a Roma (RM) il 25.12.1966;
  • MANNOZZI Marco, nato a Roma (RM) il 21.12.1971;
  • DI GANGI Vittorio, nato a Roma (RM) il 13.04.1952 (destinatario di un’ordinanza di sottoposizione agli arresti domiciliari).

L’attività d’indagine – avviata nel dicembre del 2014 e coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma – compendia gli esiti di una capillare attività di intercettazione telefonica e ambientale nei confronti di alcuni pluripregiudicati per rapina a mano armata e tra di essi, Giulio Tombini, alias “Er Lupo” pluripregiudicato per rapina a mano armata e ritenuto nell’ambiente della malavita romana uno degli “specialisti” negli attacchi ad Uffici postali, Istituti di credito e furgoni portavalori sottoposto, all’epoca dei fatti, agli arresti domiciliari presso la sua abitazione con permesso di allontanamento per prestare attività lavorativa presso la Cooperativa Edera s.r.l..

L’ascolto delle conversazioni registrate sulle utenze del Tombini e dei suoi associati corroborata da delicati e continui servizi di osservazione – durati ininterrottamente per circa otto mesi – nonché dall’installazione di sistemi di videoripresa ha consentito progressivamente di confermare l’esistenza di una vera e propria batteria criminale dedita al compimento di delitti predatori, anche fuori dalla capitale, e delineare l’organigramma dell’associazione, i ruoli di ciascuno, il modus operandi, il progetto delittuoso ed i cd. reati satellite, funzionali alla sua conservazione.

Il “gruppo” criminale è cresciuto “professionalmente” nel quartiere romano dell’Alberone e dipendeva, in tutto e per tutto, dal Tombini che, forte del suo riconosciuto carisma criminale, ha indotto gli altri associati per delinquere a sottostare pedissequamente alle sue direttive, durante la sua detenzione e, a fortiori, dopo la sua rimessione in libertà.

Già durante gli arresti domiciliari, Tombini riceveva quotidianamente presso la Cooperativa Edera” – sita nel quartiere Mostacciano di Roma – Marco Mannozzi,  Antonio Bendiato,  Luigi Orofino, Massimo Da Rold ed altri pregiudicati per rapina imponendo ai propri sodali, dopo ogni sopralluogo presso una banca e/o un ufficio postale, di essere notiziato sugli esiti delle attività prodromiche alle azioni predatorie ricevendo sempre il puntuale resoconto di quanto accertato che veniva ratificato o integrato con nuove istruzioni dal “Lupo” il quale, nelle fasi finali, ha partecipato in prima persona ai sopralluoghi e alle attività di selezione degli obiettivi, previa verifica diretta di tutte le loro caratteristiche.

Quanto al contributo causale offerto dagli indagati val la pena di evidenziare i ruoli specifici degli associati per delinquere.

In particolare il Bendiato coadiuvato dal Da Rold ha posto la sua attenzione sulle modalità da adottare per valicare le porte di accesso delle agenzie di credito, sulle vie di fuga da percorrere ed i mezzi da utilizzare subito dopo il colpo avendo anche il compito di “staffettare” con autovetture “pulite” chi aveva necessità di spostare i ciclomotori, di accertata provenienza furtiva, nella disponibilità dell’associazione.

Luigi Orofino, invece, personaggio noto nel panorama dei cd. “sciampagnoni ed il Mannozzi venivano “utilizzati” dalla consorteria per effettuare sopralluoghi negli obiettivi che interessavano il Tombini, relazionando dettagliatamente sulla conformazione dei luoghi, sulla presenza di telecamere e sulla localizzazione di aree predisposte preventivamente per effettuare il “cambio” dei mezzi rubati con quelli “puliti”.

Va sottolineato come tutti gli indagati, nelle fasi di realizzazione del colpo avrebbe fatto parte del cosiddetto “gruppo di fuoco” ovvero di coloro che avrebbero fatto accesso all’interno dell’agenzia di credito per consumare materialmente la rapina e sequestrare il personale dipendente ed eventuali clienti per il tempo necessario a guadagnarsi l’uscita e poi la fuga.

Sintomatico della pericolosità dell’associazione criminale e della sua estrema mobilità sul territorio il tentativo di rapina aggravata ai danni del Monte dei Paschi di Siena, ubicata in viale Guidoni località Firenze perpetrato, in data 19.06.2015, da Massimo Da Rold unitamente a Orofino e Mannozzi  con la “regia” del TOMBINI che è stato prontamente sventato grazie al tempestivo intervento di personale della Squadra Mobile di Roma con la collaborazione dell’omologo ufficio del capoluogo toscano.

Val la pena di evidenziare, altresì, come Tombini, Bendiato e Mannozzi sono ritenuti responsabili, in concorso con il noto criminale romano Vittorio Di Giangi, detto “Er Nasca”, del delitto di incendio poiché – in concorso tra loro e su mandato del predetto Di Giangi – in qualità di esecutori materiali del delitto e dietro corrispettivo in denaro pari ad Euro 4.000,00, allo scopo di danneggiare un centro Sportivo sito in località Ardea, appiccavano il 12 luglio u.s. il fuoco al tendone del campo da tennis ivi ubicato, dopo averlo cosparso con liquido infiammabile.

Giova evidenziare come il  Di Giangi “Er Nasca” è un personaggio storico della malavita ed ha un curriculum criminale che sin dal 1974, con una escalation di reati dall’associazione a delinquere, omicidio, traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, usura, estorsione ed altro, gli ha permesso di raggiungere una posizione di leadership nell’organigramma della malavita capitolina.

Gli arrestati, dopo le formalità di rito sono stati associati presso la casa circondariale di Regina Coeli.

About Emanuele Bompadre 8245 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.