10 dicembre 2016

Monterotondo – Acea Ato2: sì alle richieste di variazione contrattuale

 

La questione è annosa e ha rappresentato motivo di forti disagi per parecchi utenti nei Comuni dell’ambito. Ma finalmente Acea Ato 2 corre ai ripari: a breve sarà possibile modificare anche i contratti delle utenze idriche servite da depuratori saturi ma comunque funzionanti.

Fino ad ora, equiparando di fatto l’assenza di depuratori o di impianti di depurazione autonoma ai casi in cui, pur saturi e quindi inidonei a nuovi allacci, i depuratori sono regolarmente funzionanti, Acea Ato 2 respingeva infatti tutta una serie di richieste come ad esempio la scissione delle utenze, la riattivazione di utenze per qualche ragione chiuse di recente, quelle di modifica del minimo impegnato dalle utenze commerciali e così via.

La motivazione dei dinieghi era la stessa che veniva addotta di fronte alle richieste di allaccio da parte di nuove utenze non servite da impianti di depurazione: l’incremento dell’inquinamento con possibili risvolti penali a carico dell’ente gestore.

Per quanto incongruenti, i dinieghi hanno fin qui impedito operazioni semplici ed evidentemente del tutto ininfluenti ai fini di un “incremento dell’inquinamento”, come ha infatti rilevato l’ingegner Alessandro Piotti, dirigente della segreteria tecnico-operativa della Conferenza dei Sindaci dell’ambito, in una lettera inviata al presidente di Acea Ato 2 e ai sindaci dei Comuni stessi. Nella missiva, il dirigente chiede espressamente che venga definita ed adottata “una procedura che accolga le richieste di modifica dei contratti delle utenze servite da un depuratore saturo”, risolvendo una volta per tutte situazioni penalizzanti per un gran numero di cittadini.

“Quella di oggi è davvero una buona notizia – afferma il sindaco Mauro Alessandriprendiamo atto con soddisfazione della volontà espressa da Acea di sanare, finalmente, situazioni penalizzanti che anche a Monterotondo hanno provocato forti disagi anche in termini economici. Ad esempio agli inquilini di immobili di recente edificazione, allacciati alla rete idrica con contratti “di cantiere” stipulati all’inizio dei lavori, i quali da anni vedono respinte le richieste di variazione contrattuale alla più economica, oltre che corretta, utenza domestica”.

About Emanuele Bompadre 8290 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.