2 dicembre 2016

“Giulia”, da Strindberg con la regia di Vincenzo Borrelli, apre la stagione 2015 del Centro Teatro Spazio di San Giorgio a Cremano

La stagione 2015 del Centro Teatro Spazio di San Giorgio a Cremano parte con un grande classico della letteratura teatrale internazionale: Vincenzo Borrelli mette in scena “La signorina Julie” di Strindberg.

Scritta in un momento in cui le differenze di classe era no molto marcate, la storia narra di una tresca fra un servo e la sua padrona, un amore dirompente che finirà drasticamente. Ma la messinscena non si limita soltanto a una analisi delle differenze di ceto: Il punto focale diventa presto la differenza insanabile, l’abisso che c’è fra l’universo maschile e quello femminile, i rapporti di forza che si instaurano nella coppia, e la nullità del concetto di “classe” di fronte alla forza della natura dei singoli quando entrano a stretto contatto.

Nonostante la drammaturgia sia modernissima per l’epoca, il regista Vincenzo Borrelli rifugge da un’interpretazione del testo in chiave ultramoderna, mantenendo per quanto possibile, quello che è lo spirito e il senso dell’opera senza stravolgere i concetti già moderni e di sicuro scottanti del maestro svedese.

Date e orari:

6 novembre ore 21

7 novembre ore 21

8 novembre ore 21

Tratto da “La signorina Julie” di Strindberg

Tradotto adattato da Vincenzo Borrelli

“Giulia”

Regia VINCENZO BORRELLI

Assistente alla regia Simone Somma

con

Cristina Ammendola

Marina Billwiller

Vincenzo Borrelli

e con

Simona Vergara

Simone Somma

Antonia Tatarella

Francesco Caliendo

Simona Cisale

musiche Simone Somma

costumi Simona Cisale

coreografie Simona Vergara

Scenografia Vincenzo Borrelli

scene C.T.S.

audio – luci Chiara Rita Aprea

Produzione unospazioperilteatro

Tratto da la signorina Julie di Strindberg

Tradotto adattato da Vincenzo Borrelli

Ufficio stampa: Emma Di Lorenzo 3394290222

Centro Teatro Spazio

Via San Giorgio Vecchio, 23

Prenotazioni: 081 574 49 36/ 338 740 58 19

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.