5 dicembre 2016

Ferentino – L’amministrazione ha celebrato la giornata dell’Unità Nazionale

 

Mercoledì 4 novembre l’Amministrazione comunale di Ferentino ha celebrato la ricorrenza del IV Novembre, Giornata dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate, con una manifestazione pubblica alla quale sono stati invitati cittadini, le scuole del territorio, le Associazione d’Arma ed ex Combattenti.

Alle ore 9.30 la Santa Messa, concelebrata da monsignor Nino Di Stefano e Don Luigi Di Stefano, nella Chiesa di S. Ippolito, dove nella cappella, dove è sepolto Don Giuseppe Morosini, sono elencati i caduti in guerra. Il lungo corteo cittadino con gli studenti, le Autorità civili e militari locali, ha fatto sosta in Piazza Mazzini, presso la lapide dedicata a  Giovanni Ballina e Ambrogio Pettorini, trucidati alle Fosse Ardeatine, e presso il Monumento a Don Giuseppe Morosini, con le lapidi dei Caduti della II Guerra Mondiale, per la deposizione delle corone. In Piazza Matteotti, l’omaggio ai Caduti della Prima Grande Guerra. Proprio sotto la statua della Vittoria Alata, alcuni giovani studenti hanno dato lettura del lungo elenco di caduti ferentinati, ufficiali, sottoufficiali, semplici soldati, carabinieri, nomi incisi nel monumento simbolo della Città.

Il Presidente della Pro Loco, Luigi Sonni, nel suo intervento, ha ricordato ai giovani studenti presenti la vicenda del Milite Ignoto, che dopo un viaggio di tre giorni, salutato lungo il tragitto da tanti italiani, fu sepolto con tutti gli onori a Roma, al Vittoriano, l’Altare della Patria, memoria di quella che fu definita una “inutile, immane tragedia e carneficina”. Un conflitto che provocò oltre venti milioni di morti, il doppio se si contano le vittime delle epidemie a esso collegate, sicuramente il più sanguinoso dell’intera storia umana, come testimoniato da tante, commoventi ricordi e lettere dei soldati al fronte.

Il sindaco, Antonio Pompeo: E’ nostro dovere e compito sensibilizzare opportunamente tutti i giovani al valore civico e morale e la partecipazione alla giornata commemorativa del IV novembre è occasione per tornare, nel rendere omaggio ai nostri caduti, a dare memoria della nostra storia, riflettere sulle cause dei conflitti e sulla necessità di un grande impegno e lavoro per riaffermare i valori di patria, pace e libertà. Le celebrazioni del 4 novembre ricordano, inoltre, chi, con onore, ha sacrificato la propria vita per l’Italia, e al tempo stesso sono attestati di riconoscenza alle Forze Armate, alle Forze dell’Ordine, a tutti quelli che sono impegnati a fornire e garantire al nostro territorio sicurezza, tranquillità e pace.

About Samantha Lombardi 4011 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it