25 febbraio 2017

Anzio – PRC: “I Soldi ci sono. Prendiamoli dai più ricchi!”

In questi anni con una martellante campagna di stampa ci hanno convinto che  tutti i nostri problemi  provengono dal debito pubblico del nostro Paese. Debito che è cresciuto perché i lavoratori italiani hanno vissuto al di sopra delle loro possibilità e, adesso, ci dicono che per farlo diminuire dobbiamo tagliare i servizi dello Stato e privatizzare i beni comuni. “Il PRC si batte contro queste prospettive, afferma Marco Bizzoni, segretario PRC della federazione Castelli, Colleferro, Litoranea, noi proponiamo di andare in direzione ostinata e contraria su un’altra strada da percorrere tutti insieme. La strada della Costituzione Repubblicana del 1948, la strada dei diritti del lavoro, dell’uguaglianza, della solidarietà, del reddito per tutti e dell’equità sociale.” Oggi comincia ad emergere che, quanto ci vanno raccontando da anni giornali e Tv, è falso se depurato dal dato degli interessi sul debito. Tra tagli e tasse sono anni che l’Italia ha un surplus di bilancio primario, ciò significa che lo Stato da tempo ormai incassa ogni anno più di quanto spende in stipendi, servizi e opere  pubbliche (vedi www.aduc.it Il debito pubblico italiano ).  La vera causa del debito pubblico sono le scelte che avvantaggiano la finanza speculativa, scelte attuate con la decisione\obbligo di finanziare lo Stato attraverso le banche private, in questo modo è esponenzialmente cresciuto il peso degli interessi. Così mentre anno dopo anno si impongono sacrifici ai cittadini-lavoratori  i soldi finiscono nelle tasche delle banche e dei ricchi. Di questo discuteremo con il Segretario nazionale di Rifondazione Comunista Paolo Ferrero, Venerdì 6 novembre alle ore 17,30 ad Anzio presso il Circolo PRC in Via Fratini 8.

Oggi i governi neoliberisti mettono continuamente i cittadini-lavoratori l’uno contro l’altro facendoci litigare per un piatto di lenticchie. Ma, prendendo le risorse da chi ce l’ha, si potrebbe  abrogare la controriforma delle pensioni, ridurre l’orario di lavoro, dimezzare la disoccupazione,  e rilanciare il welfare. Per questo dobbiamo attivarci e lottare insieme, solo dalla nostra lotta possiamo realizzare il benessere delle persone.