9 dicembre 2016

Sgarbi: “Tronca? Con lui non ci sarebbe stata mafia capitale. Roma sarà sicuramente grillina”

Vittorio Sgarbi è intervenuto su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio. Diverse le tematiche affrontate dal critico d’arte, candidatosi a Sindaco di Milano.

Sul caso Roma: “Sono amico da tanti anni di Tronca, con cui ho fatto alcune cose notevoli ad Expo e con cui ho spesso collaborato in passato. Tronca arriva a Roma perché il Papa ha licenziato Marino. In questi giorni si celebra la ripresa del potere temporale dei Papi sull’Urbe Eterna. Francesco ha volontà di dominare il Giubileo senza avere la politica tra le scatole. E’ il Papa che ha licenziato Marino, si osservi in tal senso che il primo gesto di Tronca è stato andare dal Papa. Roma è tornata sotto il dominio dello Stato Pontificio e il Papa è il Papa Re”.

Sgarbi descrive il personaggio Tronca: “Come dicevo siamo amici, lo conosco da tanti anni. E’ stato chiamato non appena terminata la sua esperienza ad EXPO, il 31 ottobre ero con lui. E’ molto simile a Gabrielli, li ho conosciuti ai tempi della Protezione Civile. Sono persone abituate ad affrontare le situazioni di grandi rischi e di grandi emergenze, entrambi hanno una enorme esperienza concreta e pratica. Le situazioni di emergenza richiedono un personaggio che non abbia visioni ideali, romantiche o emotive.  Con Tronca a Roma non ci sarebbe stata mafia capitale, che è il più grave insulto che la città deve patire per quattro rubagalline, delinquenti, che sono stati scambiati per mafiosi”.

Su Cantone: “Certe volte farebbe meglio a trattenersi, visto che non svolge una funzione giudiziaria ma etica. La sua è una figura inutile. Mi chiedo perché invece il Governo non abbia creato l’Authority dei beni culturali. Questa sì che è una figura che manca nel nostro Paese. L’Authority dei beni culturali servirebbe a porre un freno a una serie di azioni scellerate che vengono messe in pratica anche dalle sovrintendenze”.

Sgarbi sulle future elezioni: “Roma diventerà senza dubbio grillina, mentre a Milano la partita è aperta. Io mi sono candidato con la Lista Sgarbi a cui si affianca anche la Lista La Zanzara, di Cruciani. Le mie priorità? Sono tante. Ci sono tanti posti meravigliosi che sono dello Stato e che restano chiusi. La città potrebbe essere un luogo di grande vitalità artistica e culturale.  Sicuramente farei aprire le scuole alle dieci anziché alle otto e mezza del mattino. Se uno va a scuola alle otto e mezza del mattino ha la testa rintronata, l’apertura dell’orario scolastico deve essere libera, dalle dieci e possibilmente anche più tardi”.

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?dl=5210

Fonte: Radio Cusano Campus