Sen. Esposito: “Marino bugiardo, qualcuno lo ama perché fa il martire anti-Renzi ma fino a ieri lo avrebbe cacciato”

Il Senatore Stefano Esposito, ex assessore ai trasporti del Comune di Roma, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ecg Regione”, condotta da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Sulla desecretazione della relazione su Mafia Capitale. “Per la Commissione Antimafia non è stata ancora desecretata –ha affermato Esposito-, la presidente Bindi ha detto che chiederà la desecretazione. Dal comunicato della Prefettura non si capisce se è stata desecretata tutta la relazione. L’importante è che sia stata messa a disposizione della procura per il processo. Quelle 800 pagine dovrebbero poterle leggere tutti perché emerge il quadro che abbiamo denunciato: una macchina amministrativa che ha bisogno di una  bella revisione strutturale”.

Sulle critiche di Sgarbi. “Sgarbi, Ferrara e Travaglio pensano che noi ci siamo inventati la mafia a Roma –ha dichiarato Esposito-. E’ evidente che c’è una differenza tra mafia capitale e la criminalità organizzata tradizionale. Ma in questa vicenda i metodi che vengono praticati sono molto simili a quelli mafiosi. Invece di giudicare e dire che ci siamo inventati la mafia, converrebbe osservare bene e magari anche Sgarbi dovrebbe leggerla quella relazione così capirebbe”.

Sul commissario Tronca. “Non ho parlato con Tronca –ha spiegato Esposito-, se riterrà utile sentirmi sono a disposizione. Non è tenuto a sentire quelli che c’erano prima. Io comunque ho mandato una relazione al Prefetto Gabrielli con tutti gli aspetti più importanti da risolvere. Tronca l’ho incontrato due-tre volte, lo conosco come persona solida e preparata. Gli attacchi di Luxuria nei suoi confronti mi sono sembrati anche un po’ volgari. Lui deve gestire i prossimi 7-8 mesi ma soprattutto dovrà fare in modo che la macchina del Campidoglio porti  a termine le opere messe in campo per il Giubileo. Poi avrà delle questioni che neanche immagina. Probabilmente lui di cosa è Atac non ha neanche idea. Io continuerò ad occuparmene. Da vice-presidente della commissione trasporti”.

Sul prossimo sindaco. “Continuo a pensare che ci voglia una figura politica solida –ha affermato Esposito-, con un progetto da presentare ai romani semplice e concreto di risoluzione dei problemi cronici che vive la città. I primi 2 anni e mezzo il prossimo sindaco deve individuare i problemi più seri e cercare di risolverli. Si devono mettere al centro le questioni di quotidianità. Io sindaco? Una dote che devono avere tutte le persone che fanno politica è il senso del limite. Non ho le qualità per fare il sindaco in una grande metropoli. Roma merita un sindaco romano, che conosca bene tutta la città, anche negli ambiti più nascosti”.

Su Marino. “Sono rimasto deluso da Marino perché quando sono andato a lavorare con lui ho messo a disposizione tutta la mia lealtà –ha spiegato Esposito-. E’ stato brutto scoprire che lui ha raccontato una bugia mercoledì scorso quando abbiamo fatto la riunione da Causi. Lui sapeva di aver ricevuto un avviso di garanzia per la questione scontrini e lui si è guardato bene dal dirlo. I bugiardi in politica non vanno bene. Non voglio giudicare se è matto o no, perché è un tema talmente inverificabile che rischia di essere una discussione inutile. Qualcuno si è innamorato della figura di Marino solo perché ha pensato che potesse essere l’anti-Renzi. Basti pensare a Sel che voleva sfiduciare Marino e due mesi dopo, solo perché Marino si è messo contro il Pd e loro supponevano che dietro la decisione di far dimettere gli assessori ci fosse Renzi, hanno iniziato a difendere Marino a spada tratta. In politica la serietà non si acquista al mercato, o ce l’hai o non ce l’hai”.

Fonte: Radio Cusano Campus

loading...
loading...