10 dicembre 2016

Futsal – Serie B, Lido di Ostia Futsal, Barra: “Il rendimento esterno? Risultati negativi casuali”

Il Lido di Ostia Futsal cade ancora fuori casa: la squadra di mister Roberto Matranga, dopo il netto k.o. sul campo della Capitolina Marconi e il pareggio dell’esordio a Salerno, è stata battuta per 5-1 dalla Virtus Palombara al termine di una gara più equilibrata nella prima frazione (1-1 con rete ospite di capitan De Santis) e poi di marca locale nella seconda. Tocca al giovane laterale Federico Barra, che come l’altro Federico (Martinelli) sta prendendo sempre maggiore spazio e considerazione nelle rotazioni lidensi, dover commentare la sconfitta di sabato scorso. «Nel primo tempo siamo andati sotto, ma abbiamo saputo reagire giocando una partita difensivamente attenta. Nella ripresa, però, abbiamo subito due gol in maniera ravvicinata e lì la gara si è indirizzata su binari favorevoli ai padroni di casa. Abbiamo tentato di raddrizzarla anche col portiere di movimento, ma purtroppo non siamo riusciti a strappare punti. Differenze tra primo e secondo tempo? Sicuramente abbiamo commesso qualche errore in più nella seconda parte, ma è dipeso pure dal tipo di gara diversa che siamo stati costretti a fare dopo l’uno-due che ha portato il Palombara sul momentaneo 3-1». Barra non dà troppo peso al rendimento lontano dal Pala Di Fiore del Lido di Ostia. «Credo che sia piuttosto casuale il fatto che abbiamo conquistato un solo punto in tre partite: abbiamo affrontato avversari importanti e comunque le tre partite non sono state tutte uguali». Nella prossima gara il Lido di Ostia torna a giocare fuori casa. «Andremo a Eboli dove sappiamo che c’è un campo piuttosto piccolo. Non avremo condizionamenti derivanti dal nostro rendimento esterno finora, in questo gruppo ci sono atleti di grande esperienza che sanno come comportarsi in questi momenti». Il laterale classe 1994 è uno dei punti di forza dell’Under 21 del club dei presidenti Gastaldi e Mastrorosato. «Un gruppo che può arrivare tra le prime quattro e che può giocarsela praticamente con chiunque soprattutto se riesce a cancellare alcuni difetti di concentrazione nei minuti finali delle partite» sottolinea Barra.