7 dicembre 2016

Athos De Luca: “Marino ha limiti caratteriali, gli mancava empatia con la città”

Athos De Luca, Presidente della Commissione Ambiente e membro della Commissione Mobilità di Roma Capitale, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

De Luca è stato uno dei 26 consiglieri dimissionari che hanno fatto decadere la giunta Marino. “Capisco lo stato d’animo del sindaco –ha spiegato De Luca-, ma il sindaco deve capire lo stato d’animo nostro, che per due anni e mezzo siamo stati degli eroi. Abbiamo preso atto che lui era a duna prima esperienza così importante, abbiamo avuto una disciplina di gruppo nel capire che lui aveva un profilo particolare. Non era come un generale e un comandante che incita i suoi alla battaglia e si sente uno di loro. Ha dei limiti dal punto di vista della capacità di comunicare. Sono stati due anni faticosi anche dal punto di vista personale. Abbiamo avuto una continua rotazione di assessori. Abbiamo avuto anche  la tegola di mafia capitale che ha pesato anche su chi era estraneo a quella vicenda”.

La parte migliore di Marino –ha affermato De Luca- era la sua non complicità con i salotti romani. Lui ha chiuso tanti rubinetti. Però dal punto di vista della comunicazione e dell’empatia con i cittadini c’erano dei problemi. Abbiamo avuto il Campidoglio occupato da tutti i dipendenti, dalle maestre di scuola, per la gestione assurda di certe situazioni. Lui doveva parlare con le categorie, con le associazioni. Io se fossi stato in lui avrei chiesto ai sindacati una grande assemblea di tutti i lavoratori di Atac e Ama per spiegargli che noi vogliamo salvare queste aziende. L’empatia, il contatto con la città sono necessari per fare politica.  A Roma il sindaco è importantissimo, però ti devi anche circondare di assessori bravi, non di amici”.

De Luca spiega i motivi della sfiducia da parte del Pd. “Avendo il partito di maggioranza detto a Marino che non c’erano più le condizioni per andare avanti, lui avrebbe dovuto concordare con il partito le sue dimissioni, uscendo a testa alta con il merito di tutte le cose buone fatte. Io immaginavo una campagna elettorale in cui Marino era a fianco del Pd. Avrebbe potuto ricostruire il suo rapporto col partito. Noi siamo riusciti a fare delle cose buone che in città sono passate come cose cattive. Causi? E’ stato un ottimo vice sindaco. Esposito? E’ stato molto coraggioso, ma è entrato come un elefante nella cristalleria. Marino non ha avuto la capacità di comunicare con la città. Il prossimo sindaco deve essere credibile nel dire che opererà una discontinuità rispetto al passato, che sappia parlare ai romani, abbia empatia con la città, che faccia capire che sia competente: coraggio, competenza e empatia. Marchini? Sulla sua competenza ho qualche dubbio…”.

Fonte: Radio Cusano Campus