3 dicembre 2016

Piotta a Radio Cusano Campus: “Minacciato di morte perché difendo i rom”

Tommaso Zanello, in arte il Piotta, è intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del programma ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Piotta sostiene la campagna contro gli sgomberi dei campi rom. Per questo molti su internet lo hanno preso di mira: “Purtroppo a volte si degenera non a un dialogo, non si cerca un confronto, ma soprattutto su internet si dà sfogo alla propria frustrazione con minacce ed insulti. Alcuni sono stati particolarmente beceri, c’è chi mi ha detto che mi investirà con la sua automobili, alcuni invece sono geniali, come quello che mi ha scritto che sono un supplì con gli occhiali. La peggiore offesa può essere sempre un’arma se rigirata nel modo giusto.  E’ un peccato comunque che si verifichino cose del genere, perché si svilisce un tema molto delicato e molto importante”.

Piotta ha spiegato come è nato il suo interesse nei confronti dei rom: “E’ una cosa nata di recente. Nella zona in cui abita mio padre, a Prati Fiscali, c’è una presenza notevole di rom. E’ iniziato un dialogo, su questo devo ammettere che mio padre è stato un grande maestro di vita, perché ha stretto amicizia con alcuni di loro. Purtroppo ora lui non cammina più, perché ha problemi legati al morbo di Parkinson. Una sera lui è caduto per strada e gli unici che lo anno aiutato a rialzarsi sono stati due rom. Questo dimostra che generalizzare è sempre sbagliato, non esiste il bene da una parte e il male d’altra.  I rom sono uno dei popoli più antichi, insieme al popolo ebraico. Non so perché sono da sempre i popoli più odiati”.

audio http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?prog=1517&dl=5134

Fonte: Radio Cusano Campus