6 dicembre 2016

Papa: eliminare lavoro forzato e nuove forme di schiavitù

Esprimendo “gioia e soddisfazione pastorale” perché il gruppo Santa Marta torni a riunirsi di nuovo nel simbolico Monastero di San Lorenzo del Escorial, Francesco ha ricordato diverse iniziative che possono contribuire all’azione “benefica” del gruppo, tra le quali, l’incontro di sindaci in Vaticano dello scorso aprile nel quale essi “hanno firmato una dichiarazione in cui si impegnano loro stessi a debellare le nuove forme di schiavitù, che hanno condannato come un crimine contro l’umanità”.

In questo senso, il Papa ha anche sottolineato l’importanza della recente approvazione dell’Agenda 2030, che raccoglie i nuovi obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Onu, i quali tra le altre cose incoraggiano ad “adottare misure immediate ed efficaci per debellare il lavoro forzato e porre fine alle nuove forme di schiavitù e alla tratta di essere umani, assicurando il divieto e l’eliminazione delle peggiori forme di lavoro minorile, compreso il reclutamento e l’utilizzo di bambini soldati ed entro il 2025 porre fine al lavoro infantile in tutte le sue forme”.

A questo proposito, Francesco ha poi ricordato le sue parole sull’importanza dell’Agenda dell’Onu nel discorso che ha rivolto all’Assemblea generale dell’organismo lo scorso 25 settembre, in cui ha ribadito che “il mondo chiede con forza a tutti i governanti una volontà effettiva, pratica, costante, fatta di passi concreti e di misure immediate, per preservare e migliorare l’ambiente naturale e vincere quanto prima il fenomeno dell’esclusione sociale ed economica, con le sue tristi conseguenze di tratta degli esseri umani, commercio di organi e tessuti umani, sfruttamento sessuale di bambini e bambine, lavoro schiavizzato, compresa la prostituzione, traffico di droghe e di armi, terrorismo e crimine internazionale organizzato”.

Infine, il Papa chiede “a Dio Onnipotente che doni al Gruppo Santa Marta di portare avanti la propria missione, così delicata, così umanitaria, e così cristiana, di guarire le piaghe aperte e dolorose dell’umanità, che sono anche le piaghe di Cristo”.
(Da Radio Vaticana)

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5959 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.