3 dicembre 2016

Milano Capitale morale, Di Pietro: “Con quella frase Cantone l’ha fatta fuori dal vaso”

Foto Roberto Monaldo / LaPresse 24-05-2011 Roma Politica Trasmissione televisiva"Porta a Porta" Nella foto Antonio Di PietroPhoto Roberto Monaldo / LaPresse 24-05-2011 Rome Tv program "Porta a Porta" In the photo Antonio Di Pietro

L’ex magistrato ed ex leader dell’IDV Antonio Di Pietro è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

“Bisogna distinguere –ha esordito Di Pietro- tra il Cantone magistrato e il Cantone parapolitico, renzista sfegatato che non mi convince assolutamente. Agli amici si dice quando si nasce magistrato si è sempre magistrato. E quindi non si dice che una cosa va bene solo quando fa comodo. Se la legge che depenalizza il falso in bilancio non è giusta lo si dice anche se l’ha fatta Renzi. Dire che Milano è capitale morale e Roma no è sbagliato, perché ogni città ha il suo lato cattivo e il suo lato buono. Il fatto che la Magistratura a Roma abbia fatto l’inchiesta su mafia capitale significa che anche a Roma si sta risvegliando quel lato morale. Cantone, persona che rispetto, stavolta ha fatto la pipì fuori dal vaso. La criminalità economica finanziaria sta a Roma o a Milano? Chi trasferisce le società in Paesi dove si paga poco sta a Roma o a Milano? Secondo me Cantone non voleva parlare male di qualcuno piuttosto che di un altro. Se ci avesse riflettuto non l’avrebbe detta quella frase, o l’avrebbe detta in un altro modo. E’ una frase sbagliata nel merito e nel metodo, ma non dobbiamo strumentalizzarla. Cantone capisce benissimo che c’è la Milano bene e la Milano male, così come la Roma bene e Roma male. Sono contrario a tutte le generalizzazioni. La piazza finanziaria su cui si regge tutta l’Italia è Milano, in quella piazza stanno avvenendo fatti che ti fanno mettere le mani tra i capelli. Menomale che anche a Roma le cose sono state scoperte. Quando escono queste inchieste si dice che in quella città c’è la fogna, ma la fogna c’era pure prima, almeno ora è stata scoperchiata. L’autorità anticorruzione deve intervenire in via preventiva quando vede che c’è qualcosa che non va. Su questo, Cantone sta lavorando bene”.

“Marino? Io penso che lo stanno sputtanando e distruggendo è un’ingiustizia atroce –ha affermato Di Pietro-. Lui ha sbagliato a voler fare il sindaco, che non è il suo mestiere. Però di una buccia di banana stanno facendo una trave. Deve dimettersi perché prima non ha saputo governare e adesso non lo fanno più governare. Perciò gli dico: “Dai Ignazio, dimettiti”.

Fonte: Radio Cusano Campus