10 dicembre 2016

Il Torchio presenta Tempi Di-Vini per 31 SALVI TUTTI!

Sabato 7 novembre alle ore 21 si terrà il nuovo appuntamento di 31 SALVI TUTTI!, il progetto di Crasc Teatro, a cura di Beatrice Baino e Orazio De Rosa, che ha come obiettivo quello di salvaguardare e dare rilievo alle tradizioni campane organizzando spettacoli di vario genere in luoghi cruciali della nostra regione.

Dopo il successo della parata della Baracca dei Buffoni Fleur nel cuore del centro di Napoli, sarà la volta del Museo Contadino di Somma Vesuviana (Via Santa Maria del Pozzo, 1 – Somma Vesuviana Napoli) ospitare Tempi Di-Vini, diretto da Fabio Cocifoglia e prodotto dall’Associazione Il Torchio che opera sul territorio di riferimento con il principale obiettivo di valorizzarne e preservarne il tessuto culturale, realizzando numerosi spettacoli legati alle tradizioni espressive locali. In ogni occasione, punto di partenza e grande stimolo è stato il capitale umano di conoscenze ed entusiasmo presente sul territorio.

«Lo spettacolo Tempi Di-Vini – come spiega il regista Fabio Cocifoglia – nasce dalla raccolta di racconti sul vino e brindisi legati al territorio di Somma Vesuviana.

La prima parte è dedicata a tutti quelli che per un motivo o per un altro si sono dovuti allontanare dal proprio paese in cerca di fortuna, portando con sé quel po’ di arte e tutti i sogni necessari per avere la forza di andare avanti.

Dall’inizio del ‘900 innumerevoli navi sono salpate dal porto di Napoli cariche di uomini, donne e speranze. Navi che facevano rotta verso la lontana America.

Sui ponti di quelle navi spesso avvenivano incontri, si intrecciavano storie, che i nostri nonni ancora ci raccontano. Tra questi, ne abbiamo scelto uno divertente in cui alcuni migranti di Napoli alla volta dell’America sognano il loro futuro.

La seconda parte raccoglie altre storie di nonni sempre legati al vino. Racconti e brindisi lasciati nelle bottiglie, in plichi arrotolati, come messaggi lanciati alle nuove generazioni nella speranza di essere ricordati. Sarà il pubblico a “ritrovare” questi messaggi e a lanciarne il racconto. Storie dai tempi divini dei miti fondanti ai giorni nostri, dove il rituale del condividere del buon vino raccontando di sé e ascoltando l’altro resta vivo nella tradizione di Somma Vesuviana».

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.