8 dicembre 2016

Di Maio: “53.000 italiani nell’ultimo mese hanno rinunciato a cercare lavoro, finendo tra i cosiddetti “inattivi””.

53.000 italiani nell’ultimo mese hanno rinunciato a cercare lavoro, finendo tra i cosiddetti “inattivi”.
I giovani italiani che hanno perso le speranze di poter trovare un impiego sono 22.000 in più.
Nell’ultimo anno le persone che hanno perso le speranze in un futuro lavorativo sono cresciute del 2%.
Si può essere pessimisti o ottimisti, ma questi sono dati Istat. Più aumentano gli inattivi – ovvero più aumentano coloro che smettono di cercare lavoro – più diminuisce l’indice di disoccupazione, perchè l’Istat non li mette più nel conto.
Strano ma vero, e c’è anche chi festeggia.
La dittatura dell’ottimismo di questo Governo sta solo creando più sfiducia. Tanta gente si chiude in se stessa, tanti cittadini iniziano a convincersi di essere buoni a nulla e a colpevolizzarsi del fatto che il mercato del lavoro li rifiuta. Si sentono sempre più soli mentre ascoltano un Presidente del Consiglio che li chiama gufi.
Negli altri Stati d’Europa il reddito di cittadinanza serve proprio a ridare fiducia a chi non trova lavoro o non ne ha uno che lo aiuti a sostenersi. La formazione professionale di chi riceve il reddito, parte dalle proprie attitudini e attraverso un percorso in cui lo Stato ti segue passo dopo passo, arriva ad una proposta di lavoro.
E’ la strada giusta per ridare speranza al nostro popolo.
Ci stiamo battendo per ottenerlo, nonostante l’ostruzionismo del PD.
Così sulla sua pagina Facebook

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.