5 dicembre 2016

Come saranno le case del futuro? Scopri gli scenari possibili

Ciò che accadrà nel futuro rimarrà sconosciuto all’uomo per definizione. Possiamo solamente tentare di raccogliere più segnali possibili per avere un’idea approssimativa di quel che sarà.
Questo concetto è applicabile a qualsiasi ambito della nostra vita e dunque anche a quello che riguarda la casa e il modo in cui un giorno vivremo.
Per fornirci delle risposte più concrete a riguardo, Leroy Merlen e Doxa hanno pubblicato i dati emersi dall’Osservatorio sulla casa, un’indagine finalizzata ad individuare le caratteristiche delle case del futuro, che hanno sottolineato come il risparmio, la comodità ed il rispetto per l’ambiente rappresentino i pilastri delle abitazioni del futuro.
La maggior parte degli italiani pone la propria casa in cima alle priorità personali, considerandola come un bene indispensabile, da migliorare sotto ogni aspetto, da quello riguardante l’isolamento termico all’esigenza di ricavare maggiore spazio dai propri ambienti domestici, passando per l’arredo e le rifiniture. Analizziamo dunque diversi scenari ipotetici di ciò che potrebbe accadere in futuro.

Abitazioni del futuro: caratteristiche ipotetiche

Dalla ricerca è emerso che il soggiorno e la cucina sono gli ambienti preferiti dagli italiani, seguiti dalla sala da pranzo, dalla camera da letto e dal bagno. L’esigenza maggiore, in relazione alla casa futuristica, sarebbe quella di poter cambiare il tipo di arredo e quindi di atmosfera in continuazione, sia all’interno sia all’esterno della casa. Ecco che andranno a sparire gli stili d’arredo fissi, per fare spazio ad arredi intercambiabili, che si adatteranno a seconda dell’umore e delle necessità dei padroni di casa. I sistemi di illuminazione si accenderanno e regoleranno in totale autonomia e saranno sensibili alla presenza di persone all’interno di una stanza.
La casa non sarà più uno stabile statico, con una sola impostazione, ma diverrà una struttura dinamica con pochi punti fissi e molti intercambiabili.
Inoltre, con l’aumento delle persone affette da patologie motorie e respiratorie, è emersa l’esigenza di abbattere le barriere architettoniche nell’ambito domestico, migliorando al qualità della loro vita in casa, attraverso delle soluzioni studiate appositamente per questi casi.
Un altro punto determinante è il risparmio, da quello energetico a quello relativo ai costi di manutenzione e di gestione, fondamentale per la maggior parte delle persone intervistate.
Anche l’occhio all’ecosostenibilità è attualmente aumentato, con circa la metà degli italiani dediti alle attività di giardinaggio nei propri giardini, a favore dell’ambiente e del benessere paesaggistico.
Ma la casa oltre che comoda deve essere anche bella e gradevole alla vista. Ottimizzare le risorse è un aspetto fondamentale nella gestione della propria casa, ma anche l’occhio vuole la sua parte. Nelle questioni estetiche, l’arte ha sempre conferito un valore aggiunto a qualunque ambiente, diventando la componente sempreverde di qualsiasi stile di arredo. Continuerà dunque anche nel futuro il trend di arredare le pareti di casa con quadri e stampe a proprio piacimento, acquistabili on-line sugli appositi siti web di vendita di quadri.
Una tendenza che ancora non si è molto diffusa, ma che probabilmente apparterrà al futuro, è quella di controllare da remoto gli apparecchi elettrici/elettronici domestici. Si tratta di poter monitorare e controllare i dispositivi domestici tramite il proprio smartphone o tablet, anche quando si è fuori casa. Per ora le percentuali relative all’utilizzo di controlli a distanza sono poche (solo il 29% degli intervistati), ma in futuro si farà sicuramente maggior ricorso a questo genere di tecnologia.
Per quanto riguarda il mobilio, il trend del futuro, in crescita anche nel presente, è quello che prevede il restauro dei mobili antichi, invece dell’acquisto di un mobilio nuovo. La tendenza è quella di restaurare i mobili vecchi e rovinati, donando loro nuova vita. Questa attività, detta anche upcycling dei mobili, rappresenta già oggi uno degli hobby prediletti dagli italiani dediti al fai da te.
Al di là della possibilità di recuperare dei vecchi mobili caratterizzati da un valore affettivo, vi è anche il notevole risparmio economico e la possibilità di ridurre gli sprechi.
Infine, un aspetto che sicuramente si evolverà è la funzione della tecnologia nell’ambito domestico: è sicuramente complicato fare una previsione del modo in cui si svilupperanno le tecnologie di domani, ma certamente saranno parte delle dimore del futuro, non più solamente in relazione ai dispositivi e agli accessori hi-tech, ma soprattutto come elementi integranti della casa, meno visibili ma sicuramente più presenti di adesso.