10 dicembre 2016

Calcio – Serie A, derby torinese, Allegri: “Una partita senza favoriti”

CREATOR: gd-jpeg v1.0 (using IJG JPEG v62), quality = 75

Il derby è vicino, vicinissimo e allo stesso tempo non è lontana la partita di due giorni fa a Sassuolo. Il calendario del campionato impone in questo momento ritmi altissimi ed è necessario fare il punto della situazione. Ci pensa Mister Allegri, in conferenza stampa a Vinovo. «Le ultime due partite contro il Toro sono state belle e combattute, è logico aspettarsi la stessa cosa domani, anche entrambe le squadre sono cambiate». Che Toro si aspetta Max? «Mi attendo la classica squadra di Ventura, che abbassa i ritmi e concede pochissimo: le ultime partite che ha giocato il Torino non devono ingannare. Sarà una sfida difficile per noi, e allo stesso molto importante per la nostra classifica».

Il tema “classifica” ricorre più di una volta nelle parole di Allegri, che non ne fa un’ossessione ma analizza con lucidità il momento. «Ovviamente 12 punti per noi sono pochi. Inoltre la sconfitta di Sassuolo è stata davvero inattesa, da parte di tutti. Siamo in un momento non facile, bisogna comprenderlo e agire di conseguenza».

Come si traduce in pratica questa indicazione? «Abbiamo molte energie, dobbiamo metterle tutte in campo, ma senza nervosismo. La chiave è giocare con ordine, migliorare tecnicamente rispetto per esempio al primo tempo di Sassuolo e così mettere i presupposti per vincere». E aggiunge Allegri: «Essere nervosi non è di nessuna utilità, così come non serve guardarsi alle spalle e recriminare, e nemmeno fare troppi programmi e pensieri sulla classifica».

E ancora, sul momento della squadra: «Non c’è da ricompattare assolutamente nulla. Il nostro problema è un andamento altalenante, disputiamo alcune buone partite e poi ricadiamo negli errori. Dobbiamo affrontare questo momento con positività, ripartiamo dalle certezze che avevamo prima del match di Sassuolo ma anche prendendo coscienza di ciò che non funziona, con responsabilità e soprattutto senza paura, che nel calcio non serve. Dopodiché sono sempre i risultati a parlare»

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5993 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.