10 dicembre 2016

Sen. Mineo: “Renzi non mi vuole perché sono un giornalista”

Il senatore Corradino Mineo, che ieri ha lasciato il gruppo del Pd a Palazzo Madama, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano” condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Addio al Pd per problema politico. “Ho lasciato il Pd perché c’è più di un problema politico –ha affermato Mineo-. Il primo problema è che ho votato molte volte in dissenso con il Governo. Questo creava un imbarazzo a me ma anche a quelli che, pur non essendo d’accordo con certi provvedimenti, per una malintesa disciplina, hanno votato a favore. Il secondo problema è che gli spazi per una battaglia politica dentro il Pd si sono ridotti da quando gran parte della minoranza dem ha deciso di lavorare ai fianchi Renzi ma di accertarne la narrazione. Io sono per un confronto franco con Renzi, non sono per sparare e poi tornare indietro”.

Renzi non mi vuole perché sono giornalista. “La causa ultima della mia uscita dal Pd –ha spiegato Mineo- è stata la ridicola, anacronistica, buffa assemblea dei senatori Pd convocata da Zanda, nella quale si è fatto un processo nei miei confronti voluto dall’alto e si è detto che il gruppo Pd del Senato sono tutti buoni tranne il sottoscritto. Salvano persino Walter Tocci, che spesso è stato ancora più duro nei confronti del Governo rispetto a me. Ma io sono un giornalista e questo a Renzi dà fastidio perché lui vuole impedire una narrazione alternativa a quella che lui fa. Perché la sua politica è di poca sostanza: riforme fatte in fretta e male. Questa è la narrazione renziana, dal partito della Nazione non si espelle nessuno, ci si auto espelle una alla volta. Se io fossi rimasto dopo questo processo, la mia posizione sarebbe stata incomprensibile. Lavorerò in Senato per costruire un’alternativa”.

Il sistema Renzi è inefficiente. “Lo schema di Renzi –ha spiegato Mineo- produce inefficienza e apre la strada alla corruzione. Il caso di Roma è il classico esempio di questa impossibilità di gestire il Paese alla maniera di Renzi, perché lui vuole tre sole scelte per l’elettorato: il sindaco, il governatore e il premier. Se tu però voti solo per quei tre, quei tre sono inamovibili. E allora lui ora vorrebbe cacciare Marino ma non sa come cacciarlo. Non sa come risolvere il problema di Crocetta in Sicilia, che ha azzerato la terza giunta in tre anni. Si trova davanti a De Luca che come un cialtrone dice cose inqualificabili ad un’istituzione e a una dirigente del Pd come Rosy Bindi e non sa come risolvere questa grana. Le situazioni De Luca, Crocetta e Marino sono la prova dell’inefficienza del sistema Renzi, che bisogna bloccare”.

La situazione a Roma. “Marino lo conosco bene –ha detto Mineo-, ha provato a colpire i poteri forti a Roma ma a fatto molti errori di sottovalutazione. Quando uno apre una battaglia come quella di Marino, o si copre le spalle o finisce impallinato come è capitato a lui, che ha fatto anche errori di comunicazione. Il Pd non è in grado di fare un’iniziativa forte contro la corruzione a Roma. Cantone dice che mancano gli anticorpi, il primo anticorpo che manca è il Pd”.

Renzi copia il M5S. “Penso –ha spiegato Mineo- che sia nell’interesse del Paese costituzionalizzare il dissenso del Movimento 5 stelle, dialogandoci e magari votando le buone proposte che fanno in Parlamento. Invece l’atteggiamento della Boschi, ad esempio durante il dibattito per le riforme costituzionali, prevede che l’opposizione non debba toccare palla. Una follia. Io comunque sono molto lontano dal Movimento 5 stelle perché ci sono tante brave persone che dicono cose giuste, ma il loro spirito anti-casta inconcludente, il loro moralismo manicheo che mette da una parte i buoni e dall’altra i cattivi, la rete che si sostituisce alla democrazia rappresentativa, fanno del M5S un’alternativa che non ha possibilità reali di vincere le elezioni, a meno che la folle legge elettorale voluta da Renzi non li premi al ballottaggio. Renzi fa il verso ai 5 stelle”.

Civati. “Sono molto amico di Civati –ha affermato Mineo-, discuterò con lui perché lo stimo. Io sono convinto che bisogna fare una grande battaglia culturale, unitaria e generosa, e una battaglia politica che dia un’identità alternativa al renzismo”.

Fonte: Radio Cusano Campus