4 dicembre 2016

Monterotondo – Il Museo eretino al Digital Think-in del MAXXI

 

Il Museo archeologico e multimediale di Monterotondo è tra i sei migliori progetti espositivi digitali 2015 premiati al “Digital Think-in – La voce digitale dei Musei”, in programma al Museo nazionale delle arti del XXI secolo di via Reni il prossimo 4 novembre.

L’innovativo allestimento del sistema museale eretino, che tanto successo di pubblico e critica sta riscuotendo sin dalla sua inaugurazione, sarà presentato nella prestigiosa sede del MAXXI insieme agli altri progetti premiati dalla commissione di esperti composta da Alessandro Bollo, responsabile ricerca e consulenza della Fondazione Fitzcarraldo, Michele Trimarchi, presidente del “Tools for Culture” e Roberto Vicentini, direttore divisione Telco & Media Engineering.

Oltre al museo eretino, sono stati selezionati altri cinque progetti legati alle attività culturali, educative, promozionali e di ricerca: il  “Digital Engagement Platform” del Duomo di Milano (Veneranda Fabbrica del Duomo), “Virgil, un robot a corte La robotica al servizio della fruizione museale” (Real Castello di Racconigi), “Suoni per Vedere” (comune di Bolzano), “Impronte Sonore” (Fondazione Donizetti) e il nuovo sito web del MAXXI.

Prima edizione di un appuntamento annuale  per le istituzioni culturali italiane, il Digital Think-in è un’occasione di incontro e confronto tra professionisti sull’innovazione digitale e tecnologica nel settore culturale, nel corso della quale vengono rappresentate le più significative esperienze a riguardo, sia nazionali sia internazionali. Relatori di qualità, esperti e professionisti del settore, influencer e changemaker, aiutano a riflettere su come il digitale può ancora trasformare il lavoro in ambito culturale e museale, supportando e incoraggiando la creazione di una rete nazionale di idee, progetti e attività innovative condivise.

«Essere stati selezionati dalla commissione e poter presentare il nostro sistema museale in una prestigiosa cornice come il MAXXI, la prima istituzione nazionale dedicata alla creatività contemporanea – afferma l’assessore alla Cultura Riccardo Varoneè davvero motivo di grande soddisfazione. Abbiamo lavorato tanto al museo e al suo allestimento, credendoci e investendo molto non solo in termini economici e i risultati stanno dando ragione all’impegno dell’amministrazione comunale, dei componenti del Consiglio d’amministrazione dell’Istituzione culturale e del dottor Paolo Togninelli, direttore del museo e dell’ICM, autore del progetto scientifico, museologico e di allestimento della struttura, al quale, in particolare, va il mio più caloroso ringraziamento. La straordinaria rilevanza dei reperti custoditi, lo splendore delle sale affrescate di palazzo Orsini e della biblioteca Angelani, l’ausilio di proiezioni olografiche, mapping, ricostruzioni in 3D e percorsi olfattivi, rappresentano un sistema multimediale che consente di compiere un “viaggio” lungo tremila anni di storia davvero unico nel suo genere, come la commissione del Digital Think-in ha riconosciuto e attestato».   

Un sistema museale che consente a Monterotondo di rafforzare la sua vocazione ad un ruolo integrativo e complementare rispetto all’offerta turistica della Capitale, soprattutto nell’ambito del turismo scolastico come sottolineato nel corso dell’Educational day di sabato 17 ottobre scorso, giornata dedicata all’apertura e alla promozione delle attrazioni turistiche della città riservata agli operatori del settore.

«Abbiamo sempre rifiutato l’idea che la cultura sia un servizio accessorio e sostanzialmente inutile in un periodo di crisi come quello che da anni stiamo vivendo  – conclude il sindaco Alessandri scommettendo, al contrario, sul ruolo che questa può avere in termini di sviluppo e crescita alternativa. I risultati che stiamo cogliendo e che ancor più coglieremo nel prossimo futuro attestano che la nostra intuizione era giusta, che quelli nel settore delle infrastrutture culturali sono stati investimenti importanti, utili e significativi, in grado di mettere ancor più la nostra città al centro dell’hinterland romano per la qualità di una offerta culturale moderna, razionale, ben promossa e ben comunicata, capace di motivare una stagione nuova anche per il nostro sistema commerciale e recettivo, per la nostra piccola e media impresa».