3 dicembre 2016

Queste le dichiarazioni rilasciate da Mihajlovic, Montolivo e De Jong nella conferenza stampa di vigilia di Milan-Chievo

CREATOR: gd-jpeg v1.0 (using IJG JPEG v62), quality = 92

MISTER MIHAJLOVIC

“In Italia non ci sono partite facili, il Chievo è una squadra tosta e battagliera. Dobbiamo essere all’altezza dal punto di vista dell’atteggiamento. Giochiamo in casa ed è sicuramente un’occasione per prendere fiducia, una partita fondamentale. Non vorrei subire gol contro il Chievo, la fortuna non ci aiuta però deve girare anche questo. I giocatori hanno avuto più pressione 10 contro 11 contro il Sassuolo ma i ragazzi hanno giocato bene e alla fine siamo stati premiati. Ora la squadra è più compatta rispetto all’inizio, si difende meglio. I gol li subiamo ma le occasioni sempre di meno, dobbiamo cercare continuità. Domani dobbiamo vincere, se soffriamo adesso la stagione sarà in discesa, vinciamo con cuore e carattere prima della tattica e della tecnica. Il Napoli ha un grande potenziale offensivo, noi non abbiamo Menez e Niang per il momento, poi l’infortunio di balotelli. Al momento abbiamo poca scelta. E’ bello poter scegliere ma devo fare scelte logiche nella scelta della formazione e del modulo. Il nostro modulo per il futuro sarà il 4-4-2 quando recupereremo tutti. Non so chi giocherà tra Donnarumma e Diego Lopez. Non scelgo il giocatore se è giovane o meno ma se è bravo. Quello che ho voluto vedere da Donnarumma è la sua reazione e la sua personalità mi ha soddisfatto. Non centra la prestazione di Diego Lopez a Torino, chi sta meglio gioca. Sono due portiri affidabili entrambi. Io credo nell’obiettivo Champions. La pubalgia ti va e ti viene poi magari improvvisamente passa. Lui sta lavorando per cercare di tornare in gruppo ma per il momento sta ancora facendo tutte le cure. Niang ieri si è allenato con la squadra, vorrei portarlo in panchina domenica. Menez sta prendendo antibiotici, se tutto va bene lo potremo avere a gennaio o febbraio. Il 4-3-1-2 è nel dna del Milan ma poi è mancato Menez e quando abbiamo capito che l’infortunio si sarebbe allungato abbiamo visto che ci mancava equilibrio. Il ruolo del trequartista non è andato bene ed era giusto cambiare. Cerci nel 4-3-1-2 è seconda punta adattata, nel 4-3-3 è il suo ruolo dove ha sempre fatto bene. E’ un giocatore di qualità e fisico, deve migliorare di testa ma è il suo atteggiamento. Sono sempre meno i giocatori come lui a darti superiorità numerica. E’ una carta in più ma può fare anche molto meglio. Domani sera metteremo la squadra migliore che abbiamo, oggi l’ultimo allenamento e poi decideremo. pensiamo partita per partita. Le scelte le faccio io perchè sono l’allenatore, poi è giusto che mi confronto ma la responsabilità me la prendo io. Valuteremo la coppia centrale di difesa, Romagnoli e Alex hanno fatto bene ma Mexes è in recupero e Zapata ha fatto bene. Noi stiamo facendo allenamenti per le palle inattive, contro e a favore. Tanto dipende dalla concentrazione dei giocatori, abbiamo preso 4 o 5 gol nella punizione diretta. La punizione se viene messa bene non puoi farci niente. Boateng si sta allenando, si comporta e allena bene, è un giocatore di personalità e qualità. Vediamo a gennaio cosa succederà. Potrebbe anche fare il trequartista, è un giocatore importante che al Milan ha fatto bene, può giocare anche come mezz’ala. Honda sta bene e si allena bene”.

RICCARDO MONTOLIVO

“Contro il Chievo è stato il primo mio gol con la maglia del Milan a San Siro. C’è delusione per i risultati e capiamo la contestazione ma dobbiamo ringraziarli perchè durante la partita ci hanno sostenuto”.

NIGEL DE JONG

“Abbiamo sempre uno spirito positivo nello spogliatoio, abbiamo vinto l’ultima partita e dobbiamo continuare con questo spirito. Mi piace il 4-4-2 ma dipende dalla partita come ha detto il mister. Quali giocatori sono disponibili. E’ normale che non sono felice perchè non gioco ma capisco che devo aspettare la mia opportunità”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5928 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.