4 dicembre 2016

Ponte di Nona – Duplice omicidio, una testimone: “Conoscevo Fabrizio un bravo ragazzo, cantava serenate”

Emergono ulteriori particolari sulla vita di Fabrizio Ventre, uno dei due ragazzi rimasti uccisi dopo un conflitto a fuoco l’altro ieri notte nel popolare quartiere di Ponte di Nona, periferia est di Roma.  Una cittadina di Via Berta Von Suttner, intercettata da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio di Radio Cusano Campus (emittente dell’Università Niccolò Cusano), dichiara: “Fabrizio era un bravo ragazzo, un ragazzo normale. Quando si è sposata mia figlia lui ha cantato insieme al padre la serenata organizzata da mio genero. Ha cantato al matrimonio di mia figlia, in zona lo conoscevano molti perché cantava serenate. Aveva la passione per la musica”.

A Ponte di Nona i giornalisti non sono visti di buon  occhio. “Nella nostra via e nella nostra zona si vive malissimo, siamo dimenticati da tutti. C’era un laghetto, c’erano due parchi, nel tempo hanno distrutto tutto i politici. I giornalisti non ci piacciono, scrivono un sacco di bugie. Qui non c’è nessuna criminalità. I giornalisti stravolgono la realtà. Hanno scritto un sacco di inesattezze su questa storia. Ieri a Ponte di Nona non è stato aggredito nessuno, anzi, c’erano anche i carabinieri. Abbiamo solo chiesto rispetto per il dolore di chi si trova a piangere dei ragazzi morti”.

Fonte: Radio Cusano Campus