10 dicembre 2016

Migranti, Galantai: “Da UE nessuna strategia per risolvere l’emergenza.”

A migrant shouts a slogan as he wears a Tee Shirt with the message, "Open The Way" as he stands on the seawall at the Saint Ludovic border crossing on the Mediterranean Sea between Vintimille, Italy and Menton, France, June 14, 2015. On Saturday, some 200 migrants, principally from Eritrea and Sudan who attempted to cross the border, were blocked by Italian police and French gendarmes. REUTERS/Eric Gaillard - RTX1GG1X

Nell’ambito della sesta edizione del Festival della Diplomazia “Diplomacy”, si è tenuto all’Università Niccolò Cusano l’incontro dal titolo “Migranti, Rifugiati, Profughi: quale denominatore comune?”. Uno dei protagonisti del convegno è stato il Dott. Laszlo Galantai, Consigliere Affari Politici Ambasciata Ungheria in Italia, intervenuto ai microfoni della trasmissione “Il mondo è piccolo” su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

“Le critiche al muro antimigranti ci hanno colpito perché si tratta di critiche ipocrite –ha affermato Galantai-. La protezione delle frontiere non è solo un obbligo degli stati membri ma anche un obbligo europeo. L’Ungheria ha un confine esterno all’Unione Europea che deve proteggere e controllare. L’Ungheria non è stato il primo Paese a costruire una recinzione, lo hanno fatto anche Francia e Gran Bretagna. Criticare l’Ungheria per questo è ipocrita. L’ungheria ha solo deciso di chiudere la frontiera verde quindi di impedire il flusso incontrollato dei migranti attraverso i confini ungherese. Questa chiusura non ha riguardato il flusso regolare ai valichi di frontiera, che restano invariati.  Lo scopo della barriera sul confine verde non è stato quello di respingere i migranti ma di canalizzare il loro flusso verso i valichi di frontiera dove i profughi possono presentare le loro richieste d’asilo. La strategia europea non sembra esserci. Ci sono state molte discussioni, molti vertici. L’accoglienza illimitata di milioni di immigrati in Europa non è una politica sostenibile. Ora forse, dopo una prima reazione emozionale, ci si sta muovendo nella giusta direzione”.

Fonte: Radio Cusano Campus