6 dicembre 2016

Calcio – Serie A, l’Inter ritrova i tre punti battendo il Bologna grazie al gol di Mauro Icardi

Un successo importante per i nerazzurri, che arriva nonostante l’inferiorità numerica per l’espulsione di Felipe Melo al 16′ del secondo tempo.

Le prime domande rivolte a Roberto Mancini riguardano proprio l’operato del direttore di gara: “Non sono d’accordo sull’espulsione di Melo, mi sembra normale. Gli arbitri stanno ammonendo troppo, non si possono mandare fuori i giocatori per falli così altrimenti il nostro calcio non migliorerà mai. È la terza partita che giochiamo in inferiorità numerica. Non si può continuare in questo modo, le partite vanno giocate 11 contro 11. Ci è successo anche a Palermo, dove il secondo giallo di Murillo non c’era. Per quanto riguarda il mio allontanamento, invece, dovete chiedere all’arbitro perché non ho detto niente di male”.

Un’analisi poi sull’andamento della gara: “Inter poco cattiva nel primo tempo? Assolutamente sì, pretendo molto di più. Nel primo tempo eravamo troppo lenti in fase di impostazione, non avevamo intensità di gioco e c’era poco movimento. Non riuscivamo a pescare l’uomo tra le linee e diventava difficile trovare spazi. Nella ripresa è andata molto meglio, anche quando siamo rimasti in dieci uomini. La continuità di gioco è sicuramente una delle cose su cui dobbiamo migliorare”.

Ultima battuta dedicata al ritorno al gol di capitan Icardi: “Ci fa piacere per Mauro, sono molto contento perché i suoi gol sono importanti per noi. Nell’occasione sono stati molto bravi anche Brozovic e Ljajic. Ci vuole pazienza, i gol arriveranno e crescerà anche l’intesa con Jovetic”.

Fonte: inter.it

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5967 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.