4 dicembre 2016

Calcio – Promozione, Real Colosseum, mister Bellei: “Per vincere bisogna imparare a perdere”

«Per vincere bisogna imparare a perdere». La butta sul filosofico il tecnico del Real Colosseum Ivano Bellei dopo il primo k.o. stagionale subito dalla sua squadra domenica scorsa sul campo del forte Racing Club. Il vantaggio di Babbucci nel corso del primo tempo non è servito, anche se la prestazione dei gialloneri non è per nulla dispiaciuta all’esperto allenatore. «Abbiamo giocato il miglior primo tempo della stagione andando in vantaggio grazie ad un gol di Babbucci, sul lancio di Giacchè. Avremmo meritato di chiudere almeno sul doppio vantaggio la prima frazione soprattutto per un’occasione di De Luca su cui il portiere avversario è stato bravissimo, poi il Racing che è certamente una squadra forte e che al momento ha una classifica bugiarda è venuto fuori nel secondo tempo. L’1-1 è arrivato in seguito ad un magistrale assist di Artistico che ha mandato in porta Celiani, poi dopo qualche minuto di sofferenza abbiamo ripreso a giocare e sfiorato il nuovo vantaggio. Invece al 90esimo è arrivato il gol del 2-1 e in pieno recupero quello del definitivo 3-1. Ma sono contento della prestazione dei ragazzi che ora dovranno reagire a questo primo “schiaffo” stagionale». La sconfitta è arrivata al termine di un periodo in cui il Real Colosseum ha dovuto “spremere” i suoi effettivi per le perduranti assenze di alcuni elementi cardine. «Non mi sono mai pianto addosso, figuriamoci. Ogni squadra affronta dei momenti di difficoltà nel corso della stagione e noi magari lo stiamo attraversando ora. Ma il campionato è lungo e tutto può accadere: l’Unipomezia sta viaggiando molto forte, ma non consideriamo incolmabile lo svantaggio attuale». Ora per i capitolini arriva il delicato match interno con la Libertas Casilina. «Tutte le partite sono importanti, certo in questa vogliamo vedere la reazione della squadra al primo k.o., ma anche per riprendere fiducia e autostima. La pressione in questa partita – conclude Bellei – sarà tutta dalla nostra parte perché loro sono in un buon momento e non hanno nulla da perdere, ma siamo abituati ad affrontare certe tensioni».