9 dicembre 2016

Migranti, On. Chaouki (PD) a Radio Cusano Campus: “Lega nasconde i suoi fallimenti attaccando gli immigrati”

Nell’ambito della sesta edizione del Festival della Diplomazia, si è tenuto all’Università Niccolò Cusano l’incontro dal titolo “Migranti, Rifugiati, Profughi: quale denominatore comune?”. Uno dei protagonisti del convegno è stato l’On. Khalid Chaouki (PD), membro della Commissione Affari Esteri e Comunitari della Camera dei Deputati, intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano” su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Immigrazione. “Il nostro è un Paese di migranti, che è sempre stato generoso e accogliente –ha affermato Chaouki-. Contemporaneamente però abbiamo una rappresentazione mediatica che propone solo conflitti ed esempi negativi. I dati parlano di 5 milioni di immigrati che contribuiscono al Pil italiano e sono integrati nella società. Le difficoltà di convivenza sono poche e circoscritte, ma nella rappresentazione che viene data dai media sembrano questi i veri problemi dell’Italia. Si schiacciano sugli immigrati tutti i problemi del Paese e questo viene fatto dalle destre e della Lega Nord in particolare, che molte volte ha nascosto i suoi fallimenti attaccando prima i meridionali e adesso gli immigrati. Noi a Bruxelles abbiamo votato insieme al Partito Popolare Europeo per la risoluzione dell’emergenza immigrazione, la Lega invece ha votato contro. E’ un partito che fa della speculazione più bassa i motivi della sua campagna elettorale”.

Partito democratico. “Con il Nuovo Centrodestra e Ala non ci siamo scelti –ha spiegato Chaouki-, è una convivenza finalizzata ad una fase temporanea per fare le riforme necessarie al Paese. Non tutto il male viene per nuocere. Quando eravamo da soli non siamo riusciti a fare cose che invece adesso siamo riusciti a portare a termine. Questo è merito del Presidente Renzi. Il Pd ora deve fare un lavoro serio sui territori, non dobbiamo perdere contatto con la storia del nostro partito. Se la minoranza dem fosse stata responsabile e non cercare pretesti per fare sempre polemica, oggi saremmo più uniti. Questo ha danneggiato il Pd nel suo complesso. Spero che si eviti questo atteggiamento di voler apparire diversi a tutti i costi e di cercare di apparire sui titoli dei giornali”.

Ignazio Marino. “Fino all’ultimo si è cercato di salvare il salvabile –ha affermato Chaouki-. Io ho sempre avuto molti dubbi sulla gestione di Roma da parte di Marino. Forse avremmo dovuto criticarlo in modo più esplicito riguardo il suo operato. Personalmente ho cercato di intervenire su alcune questioni avendo zero risposte dall’Amministrazione comunale. La questione scontrini è l’ultima di una serie di errori ed è giunta l’ora che l’ormai ex sindaco Marino metta da parte il suo ego e prenda atto della sua gestione semi fallimentare. La città deve essere a tutti i costi salvata, mettendo da parte le diatribe all’interno del Pd.”

Fonte: Radio Cusano Campus