5 dicembre 2016

A Roma il convegno nazionale ANSMES 2015

 

 

Aperto come di consueto dal Generale Luigi Ramponi, Presidente dell’Associazione Nazionale Stelle al Merito Sportivo e organizzatore dell’evento, il convegno è stato arricchito, nella sua introduzione, anche dagli interventi del Presidente del CONI Giovanni MALAGÒ, che ha fatto gli onori di casa e dal Presidente FIS, nonché Vice Presidente del CONI e della Federazione Internazionale di scherma Giorgio SCARSO.

In questi primi interventi di apertura non sono mancate parole di gratitudine ed elogi nei confronti della scherma azzurra che, oltre ad attirare migliaia di seguaci giovani e non, vanta nel suo palmares il più grande numero di medaglie olimpiche e mondiali che nessun altro sport ha mai ottenuto in Italia.

Nella prima sessione, egregiamente coordinata dal Dott. Giorgio CARUSO – Capo Ufficio Stampa Federscherma, riservata al tema “Scherma Ieri: la Storia e i Campioni” si sono tenuti gli autorevoli interventi di Giancarlo TORAN – Direttore  Museo dell’Agorà della Scherma, Cesare SALVADORI – Campione Olimpico di Sciabola, Diana BIANCHEDI e Carola CICCONETTI – Campionesse Mondiali di Fioretto e Michele MAFFEI – Campione Olimpico di Sciabola.

La seconda sessione invece è stata riservata al tema “Scherma Oggi e Domani: Realtà e Prospettive” con interventi da parte di Sergio BRUSCA – Presidente club Scherma Roma, Alessandro NOTO – Responsabile Marketing Federscherma e dagli atleti Valerio ASPROMONTE (Fiamme Gialle), Valentina VEZZALI (Fiamme Oro) e Beatrice Maria “Bebe” Vio – Campionessa Mondiale di fioretto paralimpico.
Il convegno, inoltre, è stato impreziosito dalla consegna, da parte delle Autorità presenti delle “Hall of Fame” riconosciute dalle Federazione Internazionale di Scherma ad atleti del passato che hanno contribuito a rendere la scherma lo sport più titolato del nostro Paese, quali Edoardo Mangiarotti, Nedo Nadi, Giulio Gaudini, Giuseppe Mazzini, Cesare Salvadori, Marco Favia, Marcello Baiocco, Mauro Numa e l’immancabile Valentina Vezzali.
I lavori si sono conclusi con i saluti finali alla nutrita platea degli intervenuti, da parte del Segretario Generale del CONI Roberto FABBRICINI, del Presidente della FIS Giorgio SCARSO e del Presidente ANSMES Luigi RAMPONI.