10 dicembre 2016

Mononucleosi, ecco come affrontare la malattia del bacio

Spesso non presenta alcun sintomo se non qualche linea di febbre e un po’ di spossatezza. Sempre più numerosi i giovanissimi che la contraggono senza saperlo

Un fenomeno imponente e spesso sottovalutato. La mononucleosi riguarda quasi il 65/70% degli adolescenti di età compresa tra i 16 e i 18 anni che l’hanno contratta ma non se ne sono nemmeno resi conto: solo il 5% di loro infatti, accusa malessere e sintomi che portano all’identificazione della malattia.

I sintomi e le cause dell’infezione – Una lieve e frequente febbriciattola accompagnata da uno stato di stanchezza generale sono gli effetti più diffusi.

I modi con i quali ci si può ammalare sono diversi: un bacio, un bicchiere o un cucchiaino usati da una persona affetta da virus di Epstein-Barr, un rapporto sessuale, lo starnuto ravvicinato di uno sconosciuto in un luogo pubblico molto affollato. Quando si è sotto stress è molto più facile il contagio perché il sistema immunitario funziona male e l’organismo è facile preda di attacchi virali.

Ecco come riconoscerla e come curarla – La diagnosi si può fare a più livelli. Per prima cosa si valuta il numero dei globuli bianchi con l’esame ematomocitmetrico. Poi si effettuano test sierologici e valutativi della presenza di anticorpi specifici diretti contro l’EBV. Il test più diffuso è il monotest che è in grado di ricercare anticorpi eterofili presenti nel 95% dei casi di infezione da virus di Epstein-Barr.

Contro la mononucleosi non vi sono cure uniche, eccezion fatta per gli antivirali di ultima generazione come l’aciclovir, somministrati però, soltanto in casi davvero gravi. Di solito i medici di famiglia preferiscono prescrivere una terapia che va a rimuovere i sintomi più fastidiosi. I farmaci cortisonici sono a volte dati per sgonfiare l’edema a faringe e tonsille e aiutare lil malato a respirare. Anche per la febbre e per i dolori  articolari ci può essere rimedio attraverso compresse analgesiche e antipiretiche.

Ma quando si smette di essere “contagiosi”? Di solito servono all’incirca 5 o 7 giorni dalla scomparsa dei sintomi più vistori, ma l’eliminazione del virus nella saliva è assai variabile di caso in caso. A volte c’è da segnalare la comparsa di un sintomo rilevante, la splenomegalia, vale a dire l’ingrossamento della milza, che evidenzia l’unica importante complicazione non batterica della mononucleosi.

Fintanto che la milza è ingrossata dalla mononucleosi è di fondamentale importanza il riposo: la persona malata può andare al lavoro o a scuola, ma non può sottoporsi a sforzi come correre o fare ginnastica.