3 dicembre 2016

Calcio – I° Categoria, Atletico Torbellamonaca, Marchetti: “Finalmente sono arrivati vittoria e prestazione”

L’Atletico Torbellamonaca si è sbloccato. La squadra del rientrante mister Daniele Persico ha travolto per 4-0 il Licenza centrando la prima vittoria nel girone E di Prima categoria e anche le prime reti. Tra i protagonisti della partita c’è stato l’attaccante classe 1992 Davide Marchetti che ha propiziato il gol di Russo all’alba della gara e ha poi segnato la rete del 3-0 (mentre le altre due marcature capitoline hanno portato le firme di Cusanno e Tiziano Romozzi). «Era ora – dice quasi con un sospiro di sollievo – Aspettavamo dall’inizio della stagione questa vittoria e soprattutto una prestazione come questa. Eravamo partiti con grande entusiasmo, poi purtroppo i primi risultati non ci hanno permesso di rimanere tranquilli. Ma ora deve iniziare un nuovo campionato per noi: alla fine la qualità di questo gruppo deve uscire fuori per forza». Insomma l’Atletico Torbellamonaca vuole voltare pagina. «Direi che abbiamo proprio cambiato libro – dice con una simpatica espressione Marchetti – La squadra ha sempre creduto nelle sue potenzialità e, come dice il mister, abbiamo sempre pensato che i campionati non si vincono a ottobre o novembre quindi c’è tutto il tempo per riuscire a rientrare nella corsa al vertice». A proposito dell’allenatore, il ritorno di Persico ha restituito serenità alla squadra. «Non sono stati casuali il successo col Licenza e la bella prestazione. Il mister ci conosce e sa come valorizzarci: Alessio (De Santis, il capitano che aveva preso precedentemente in mano la guida tecnica,) si è messo a disposizione del gruppo facendo un grande sacrificio, ma a noi serve come giocatore e presto ci darà una mano visto che al momento è squalificato». Nel prossimo turno l’Atletico Torbellamonaca farà visita al Villa Adriana: una trasferta decisamente insidiosa. «Dobbiamo ragionare partita dopo partita guardando soprattutto in casa nostra – spiega Marchetti – e senza fare tabelle o calcoli troppo a lunga distanza».