8 dicembre 2016

Alatri – Casa del Parto dell’Ospedale S. Benedetto, nato il primo bebè

Anzitutto facciamo gli auguri di vero cuore alla neo mamma ed al bambino, nato questa notte presso la Casa del Parto dell’Ospedale S. Benedetto di Alatri. Finalmente si torna a nascere ad Alatri! Un evento che tutti aspettavamo da tempo ed auspicavamo, ma che lascia sicuramente un certo amaro in bocca.

Le perplessità sono molte, prima tra tutte è l’amara considerazione che un anno fa al S. Benedetto nascevano 597 bambini l’anno, circa 1,5 bambini al giorno. Oggi a quarantacinque giorni dall’inaugurazione della struttura, è nato un solo bambino. Se l’andamento sarà questo arriveremo al massimo a 55 bambini l’anno. Solamente un decimo delle nascite che si avevano nel 2013.

Le modalità inoltre con cui sembra essersi svolto il parto sono del tutto anomale, sicuramente non coerenti con quanto previsto nel protocollo di istituzione della Casa della Maternità. Sembrerebbe infatti che il previsto team di reperibilità dipendente dalla struttura complessa di Frosinone, non sia stato allertato. Tanto è vero che non solo non erano presenti le ostetriche reperibili in forza alla casa della maternità, ma neanche il ginecologo responsabile. Si è utilizzato personale fidatissimo per un parto giocato in casa, per utilizzare un gioco di parole, con pubblico amico!

Inoltre lascia perplessi la tempistica con cui tutto si è svolto: guarda caso la notte prima dello svolgimento dell’Assemblea dei Sindaci per la Sanità, convocata su richiesta della regione per la valutazione sul raggiungimento degli obiettivi dati ai Manager. Come diceva un noto statista “a pensar male si fa peccato, ma spesso ci si indovina”.

Se a questo, pur lieto evento, aggiungiamo le strane promesse che in questi giorni arrivano ai sindaci – la riapertura delle sale operatorie di Anagni oppure l’assunzione di un medico a Sora – e le manovre di sagrestia che ammorbano da giorni i primi cittadini della provincia, il quadro è completo.

Sull’Assemblea di oggi riportiamo alcuni brani salienti e chiari della dichiarazione del Sindaco Morini rivolta ai colleghi Sindaci: “non possiamo oggi esprimere alcun giudizio sul raggiungimento degli obiettivi da parte del Direttore Generale. Ma non perché noi Sindaci non ne siamo capaci, ma perché non siamo stati noi ad assegnare questi obiettivi, che solo due giorni fa abbiamo avuto modo di conoscere…Vorrei invitare i colleghi sindaci  a non  lasciarsi incantare per la seconda volta, anche se  affrettatamente e solo in queste ultime ore si sono realizzate inaspettate e improvvise aperture di reparti, insediamento di medici da tempo attesi  o inaugurazione di fantomatiche strutture sanitarie,  perché è solo polvere agli occhi: sono le solite manovre che rispecchiano l’abitudine di questa Dirigenza di recuperare efficienza e insospettata capacità decisionale con l’approssimarsi di significative riunioni dell’Assemblea dei sindaci. Se le cose fatte e attuate in queste ore  fossero vere e credibili,  si potevano fare anche  prima,  e in tempi non sospetti … Per questi motivi, basandovi solo sui risultati che purtroppo abbiamo di fronte agli occhi, chiedo a voi colleghi Sindaci presenti di bocciare senza timori e senza dubbi l’operato del Direttore Generale.”

 

About Samantha Lombardi 4027 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it