6 dicembre 2016

A 20 anni inventano ‘Quokka’, geosocial da milioni di euro

Quattro ventenni romani hanno inventato “Quokka“, il primo geo social network del mondo, che vale già milioni di euro.

“L’idea ci è venuta in mente un sabato sera di marzo, quando non sapevamo che fare e per decidere abbiamo dovuto cercare su internet e chiamare gli amici. Ci siamo chiesti: è possibile che dobbiamo ancora fare così nel 2015? Bisognava semplificare il processo”, racconta Roberto Verde, classe 1994, tra i fondatori di Quokka e studente di economia all’Università degli Studi di Roma Tre. Quokka rende pubblica la posizione di tutti gli utenti. Basta scegliere un posto qualsiasi nel mondo e si vedono in tempo reale le persone che vi si trovano: i loro nomi, l’età, il sesso, i profili completi. Si possono guardare le foto e i video che hanno condiviso in quell’area, e interagire con loro. Si possono cercare vie, piazze, parchi, luoghi d’intrattenimento, qualunque posto del mondo e scoprire chi lo sta visitando. Per i promotori dell’iniziativa si tratta di “un’app innovativa che si propone di cambiare non solo il mondo dell’aggregazione sociale, ma anche il giornalismo, con notizie raggruppate per luogo”. Investitori italiani e americani hanno già creduto nel progetto con più di 150mila dollari di investimenti. A novembre Quokka parteciperà, selezionata come Alpha Startup, al Web Summit di Dublino, il festival di startup più importante al mondo.
Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5959 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.