8 dicembre 2016

Calcio – Serie A, queste tutte le dichiarazioni rilasciate nel post partita di Milan-Sassuolo

Serbia's head coach Sinisa Mihajlovic looks on during the group A World Cup qualifying soccer match between Croatia and Serbia in Zagreb, Croatia, Friday, March 22, 2013. (AP Photo/Darko Bandic)

ADRIANO GALLIANI
Il Sassuolo gioca molto bene a calcio, complimenti a loro, sono una squadra importante. Per una volta siamo stati noi 11 contro 10. Quando è capitato a noi a Firenze o a Genoa nessuna ha avuto compassione nei nostri confronti. Oggi abbiamo vinto ed è stato molto importante, ora dobbiamo provare a fare i 3 punti anche col Chievo. Se dovessimo vincere dovremmo riuscire ad attaccarci ad un bel gruppettino davanti in classifica. Oggi contavano i 3 punti. Menez non ha mai giocato un minuto, abbiamo 3 infortunati, che sono nella norma, ma noi abbiamo la sfortuna che sono tutti nello stesso reparto. Sono contento per Bacca e Luiz Adriano. Luiz ha sempre fatto gol di testa, se non arrivano i cross è normale che faccia fatica, ogni giocatore ha delle caratteristiche precise e lui ha il colpo di testa. Luiz Adriano ci ha fatto vincere due partite Empoli e oggi col Sassuolo. Il Presidente è molto presente, ha molta voglia, abbiamo investito tanto, il Presidente ha fatto uno sforzo economico notevolissimo e con la squadra che abbiamo dobbiamo fare di più. Oggi prendiamoci questi 3 punti. Cerchiamo di dare continuità e di sfruttare al meglio questi due turni casalinghi consecutivi. Cerci ha fatto molto bene, era in ballottaggio con Honda poi il mister ha scelto lui. Bertolacci oggi è entrato molto bene, lo vedo in crescita. L’anno scorso ci aveva fatto male, è un giocatore importante. Ora diventa fondamentale la prossima partita. Sassuolo, Chievo e Atalanta, 3 partite in casa su 4, dobbiamo far fruttare il fattore campo. Avevamo perso col Genoa subendo un tiro in porta. Oggi il Sassuolo ha fatto un gol con una bella punizione, loro hanno giocato bene ma non hanno mai concretizzato, sono riusciti a trovare questo bel gol con Berardi. Il portiere è un ruolo come un altro, abbiamo 3 portieri e l’allenatore ha il diritto/dovere di scegliere il giocatore che ritiene stare meglio. La fiducia in Diego Lopez c’è, oggi l’allenatore ha fatto questa scelta e credo che ogni giocatore debba rispettarla”.

MISTER MIHAJLOVIC
“Abbiamo voluto vincere, come ci abbiamo provato tante altre volte. C’è da riconoscere che siamo stato avvantaggiati anche dalla loro inferiorità numerica. E’ anche vero che in questo periodo ad ogni tiro prendiamo un gol. Merito comunque dei ragazzi che non hanno mai mollato e alla fine sono riusciti a vincere. Questa gara l’abbiamo vinta con il cuore e con il carattere. Oggi i miei giocatori l’hanno dimostrato. Sono molto contento di questo.
Io conosco Cerci e dico sempre che i tifosi possono protestare, ma in maniera civile. Voglio ringraziarli comunque perchè ci hanno sostenuto durante la gara. Giusto fischiare dopo la partita, ma giusto sostenerci nello svolgimento della gara. Si ragiona in questa maniera
Diego Lopez è un portiere importante e che stimo molto. Non l’avevo visto bene in questo settimane ed ho deciso per un cambio. Non è una bocciatura la mia. Donnarumma ha fatto bene, e può succedere che un portiere può avere un calo di forma e quindi può giocare Diego Lopez, come Donnarumma. Abbiamo tre portieri affidabili e si può anche cambiare”

LUIZ ADRIANO
“La prima cosa importante sono i tre punti. E’ stata una gara difficile e sembrava che il pallone non volesse entrare. Poi alla fine è arrivato il gol e abbiamo vinto.
Per prima cosa bisogna pensare al bene della squadra e del gruppo. Poi se gioco titolare o no, poco importa. L’importante è conquistare i tre punti. Questo è lo spirito che la squadra deve sempre avere. Oggi la squadra ha avuto un bello spirito. Dobbiamo allenarci con intensità ed andare avanti così. Il Presidente Berlusconi con noi è sempre importante e sempre ci aiuta con le sue parole. Ci fornisce una grande carica. Spero che i tifosi ci appoggino dal primo all’ultimo minuto e di cercare di fare i tre punti contro il Chievo Verona”

ALESSIO CERCI
“Oggi è stata una bella soddisfazione, è stato bello ricevere gli applausi del pubblico, devo ringraziare i tifosi perché ci hanno contestato prima dell’inizio della partita, però poi ci hanno sostenuto sempre. A Torino la squadra era stata positiva, il trofeo Berlusconi non è andato bene ma serviva per la condizione. Oggi è andata meglio sia fisicamente che come spirito, la squadra era determinata per portare a casa i tre punti. Sono contento anche per me perché sono riuscito ad aiutare la squadra sia in fase offensiva che difensiva. Sapevo che avrei avuto il mio spazio qui al Milan, ero finito un po’ ai margini anche perché il modulo non mi favoriva. Anche l’anno scorso avevo passato un periodo un po’ difficile. In questi periodi bisogna tirare fuori gli attributi e credo di aver fatto un piccolo passo in avanti. La prestazione è stata positiva, io sento quando sto bene, io devo prendere palla e puntare l’uomo il più possibile, queste sono le giocate che mi esaltano. È una sfida tra me e il terzino, in questi casi è importante il fisico ma anche la testa. Il mister l’avevo già conosciuto a Firenze e lì feci una buona stagione, avevo un rapporto di grande stima. Lui sa bene cosa posso dare, in settimana ci siamo parlati ed è stato bravo a tirar fuori il mio meglio in questa partita. È bello sentire l’allenatore che ti difende, ringrazio molto il mister per questo”.

MISTER MIHAJLOVIC (CONFERENZA STAMPA)
“Mi è piaciuta la vittoria, in una gara fondamentale. Non abbiamo mai sofferto nulla. Merito dei ragazzi, che ci hanno creduto. E credo che abbiamo vinto meritatamente.
Diego Lopez? Non è una bocciatura. E’ un portiere importante che stimo molto. Abbiamo tre portieri di ottimo livello, come Diego Lopez, Gigio e Abbiati. Non guardo l’età, bensì la qualità. Non deve essere un caso la titolarità di Donnarumma. Poi vediamo come sarà. Anche alla Sampdoria ho alternato Viviano e Romero. Sono giocatori di grande personalità, non hanno di questi problemi.
Dopo il pareggio, ho pensato che avremmo vinto. Ero sereno, ho pensato alla sfortuna.
Sia Poli che Kucka li ho sostituiti. Bertolacci ha spaccato poi la partita, Cerci ha fatto la differenza. Io sono pagato per fare delle scelte e mi assumo la responsabilità.
Cerci lo conosco bene e so quanto può dare. Gioca nel suo ruolo, esterno alto a destra. Salta l’uomo e se ha fiducia, può fare bene. Abbiamo solo 5 attaccanti, e dobbiamo gestirli. Cerchiamo di preparare bene la gara contro il Chievo, facendo meglio di oggi.
Quando la squadra va male, il primo colpevole è l’allenatore. I tifosi hanno il diritto di protestare, ma li vorrei ringraziare per quanto ci hanno sostenuto durante la partita. E loro oggi hanno fatto questo.
“Chi tira mai sbaglia” diceva Boskov. Forse dobbiamo aggiustare la mira. L’importante è tirare.
Queste sono le classiche partite dove vinci con carattere e cuore. Abbiamo vinto meritoriamente e sono tre punti importanti. Ora pensiamo gara partita dopo partita.
Il Presidente ci ha fatto i complimenti entrando nello spogliatoio”

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.